Cerca

I conti in tasca al governo

Renzi, sono guai: mancano 8 miliardi, rischio maxi-manovra in ottobre

Renzi, sono guai: mancano 8 miliardi, rischio maxi-manovra in ottobre

Al governo servono 8 miliardi per scongiurare l'aumento dell'Iva, di cui 4-5 derivati dal calo del Pil tra effetto Brexit, crisi politica internazionale e scelte sbagliate. Otto miliardi che al momento mancano, quindi la traduzione è semplice: in autunno il premier Matteo Renzi dovrà varare una manovra extralarge di 20 miliardi e le alternative sono due. O non rispettare gli impegni, tra bonus vari, oppure rispettarli alzando selvaggiamente le tasse. In entrambi i casi, una brutta situazione. 

La crescita che non basta - Come ricorda anche Repubblica, l'Fmi ha già fatto i conti prevedendo una crescita dell'Italia nel 2016 allo 0,9%, meno dell'1% stimato da Bankitalia (Confindustria dice +0,8, ii centro studi Ref addirittura lo 0,6 per cento). Il referendum britannico ci avrebbe già bruciato un decimo di Pil in controtendenza con il resto dell'Europa che crescerà in media dell'1,6 per cento. Insomma, il problema ancora una volta è tutto italiano visto che siamo" 8,5 punti percentuali al di sotto del picco raggiunto a inizio 2008, prima della crisi.

Autunno caldissimo - Archiviati decontribuzioni per i contratti a tempo indeterminato, bonus 80 euro, abolizione della tassa sulla prima casa, i consumi stanno nuovamente frenando. C'è poi la questione tutta politica delle date: il 12 ottobre il governo presenterà la legge di Stabilità, poi si voterà il referendum costituzionale che potrebbe segnare la crisi ufficiale di governo. Anche per questo comunque Renzi dovrà stare attentissimo alla finanziaria: non c'è spazio per regali, ma nemmeno per autogol elettorali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    25 Luglio 2016 - 11:11

    questi due sono dannosi.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Luglio 2016 - 11:11

    I numeri nn fanno politica e, nonostante Matteo si affanni a dipingere contesti fantasioni, la realtà è lì. L'Italia nn cresce, il lavoro, su base annua, nn cresce, i consumi sono stabili e anzi, negli ultimi mesi, è sceso anche il consumo dei generi alimentari. I poveri aumentano, i redditi diminuiscono. Questi sono dati della Banca d'Italia e dell'Istat, dati pubblici nulla di fantasioso!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Luglio 2016 - 11:11

    I numeri nn fanno politica e, nonostante Matteo si affanni a dipingere contesti fantasioni, la realtà è lì. L'Italia nn cresce, il lavoro, su base annua, nn cresce, i consumi sono stabili e anzi, negli ultimi mesi, è sceso anche il consumo dei generi alimentari. I poveri aumentano, i redditi diminuiscono. Questi sono dati della Banca d'Italia e dell'Istat, dati pubblici nulla di fantasioso!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Luglio 2016 - 11:11

    I numeri nn fanno politica e, nonostante Matteo si affanni a dipingere contesti fantasioni, la realtà è lì. L'Italia nn cresce, il lavoro, su base annua, nn cresce, i consumi sono stabili e anzi, negli ultimi mesi, è sceso anche il consumo dei generi alimentari. I poveri aumentano, i redditi diminuiscono. Questi sono dati della Banca d'Italia e dell'Istat, dati pubblici nulla di fantasioso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog