Cerca

Colosso...?

Attenzione a Unicredit, quel "dettaglio" sulla banca. Occhio: cosa ti può accadere

Conti da favola, silurato Unicredit. Ecco cosa può accadere al colosso

I tormenti per la banca Unicredit sembrano non finire mai. Il gruppo con oltre 40 milioni di clienti, tra i principali istituti bancari in Europa, in settimana è stato bastonato in Borsa perdendo all'improvviso il 4% e chiudendo una giornata di contrattazioni condotta per tutto il tempo in positivo, a -2,28%. Quel che potrebbe lasciare più perplessi è che il calo del titolo è arrivato subito dopo la presentazione dei conti semestrali che, come riporta Repubblica, sono stati migliori delle aspettative con un utile a 1,3 miliardi di euro, rettificato al secondo trimestre a 687 milioni, con un margine di crescita rispetto ai tre mesi precedenti del 6,4%. E sono stati buoni anche i dati provenienti dal trading e la riduzione dei costi generali.

La spiegazione va ricercato nel difetto che spesso e volentieri gli analisti rinfacciano a Unicredit, cioè di essere poco patrimonializzata. A dirlo è l'indicatore Cet1 fully diluited, rilevato a 10,33%. Una quota più bassa rispetto a quello del primo trimestre. Il tutto sarebbe da ricondurre ad alcune voci che il gruppo non ha computato nel patrimonio di vigilanza. In questo modo i mercati hanno ritenuto che a Unicredit mancasse ancora un miliardo in aumento di capitale, portandolo a 5 o 6 miliardi secondo l'analisi di Equita.

Da par suo, l'ad Jean Pierre Mustier non si è ancora sbilanciato sul da farsi: "La nuova squadra è già pienamente a lavoro sulla revisione strategica, che sarà definitiva entro la fine dell'anno". L'Ad predica calma sui risultati degli stress test, non proprio brillanti, mentre dribbla ancora sulle possibili cessioni per esempio di Bank Pekao, Fineco e l'Ipo di Pioneer. In carica da giugno, Mustier per ora si è limitato a stabilire le linee guida da seguire per i prossimi tempi. La riduzione dei costi sarà ancora priorità assoluta, ma su tutto il resto non si potrà far altro che attendere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog