Cerca

Volatilità dei listini

Piazza Affari crolla? Niente panico. Con questi diventate ricchi / Tabella

Piazza Affari crolla? Niente panico. Con questi diventate ricchi / Tabella

Con i mercati finanziari che fanno della volatilità il loro pane quotidiano, il caro e sano vecchio amore per le commodity può rappresentare un modo per dormire sonni (un po') più tranquilli. «I metalli preziosi sono cresciuti molto quest' anno, con oro e argento che hanno segnato rispettivamente una crescita di oltre il 25 e il 41% all' interno di un contesto caratterizzato da una deflazione costante», sottolinea Nick Leung, research analyst di WisdomTree Europe, divisione europea di un emittente americano di Etf. «La politica monetaria che ha caratterizzato l' inizio del 2016 continuerà fino alla fine dell' anno portando i tassi ancora di più in territorio negativo e questo spingerà gli investitori verso beni rifugio come i metalli preziosi. Per questo, grazie anche alla politica cauta della Fed, il prezzo di questi metalli potrebbe salire ancora». «In questo momento la scarsa visibilità a livello macroeconomico rende difficile fare una previsione di lungo termine», spiega Andrea Menescardi, responsabile ufficio studi di Sofia Sgr, «ma riteniamo che esistano alcune opportunità interessanti da un punto di vista tattico».

Guarda la tabella

Il vero problema è capire dove siano le opportunità e dove le trappole. «Mentre ogni commodity ha le sue ha le sue dinamiche di domanda e offerta», dice James de Bunsen, fund manager del multi-asset team di Henderson Global Investors, «ci sono due fattori che hanno un forte rapporto con le materie prime in questo momento: si tratta dell' andamento del dollaro americano e l' economia cinese. Un biglietto verde forte o la debolezza dell' economia cinese potrebbero portare i prezzi delle materie prime verso l' alto, ma ci sono segnali che il dollaro torni a indebolirsi e l' economia della Repubblica Popolare resti piuttosto solida ancora per un po'».

Insomma, attenzione. Inoltre, non tutte le materie prime sono destinate a crescere di valore in futuro. «Le materie prime legate all' energia, ad esempio», spiega Leung di Wisdom Tree, «sono crollate sulla speranza di una correzione delle stime sulla disponibilità di petrolio e in futuro le quotazioni resteranno volatili e basse». Fatte queste premesse, il modo migliore per investire in commodity è quello di scegliere strumenti che offrano un' ampia diversificazione, lasciando perdere l' investimento diretto.
«L' universo delle commodity è piuttosto variegato e i sottostanti su cui investire possono essere molto diversi tra loro, sia come correlazione al mercato sia come volatilità espressa», spiega Francesco Leghissa, responsabile ufficio studi Copernico Sim, società di consulenza finanziaria indipendente.

«Gli strumenti che abbiamo elencato nella tabella offrono soluzioni di investimento che danno la possibilità di investire su tutto il mondo delle commodity ma anche in maniera più specifica su determinati settori o sottostanti come l' oro (ETFS PHYSICAL GOLD Isin: JE00B1VS3770) o il più ampio indice dei metalli preziosi (ETFS PRECIOUS METALS Isin: GB00B15KYF40). Infine un discorso a parte meritano i fondi comuni di investimento (Amundi Funds Equity Global Resources FHE-C Class Isin: LU0644001264, Franklin Gold & Precious Metals Fund A(acc)Eur Isin: LU0496367763, Carmignac Commodities E EUR Acc Isin: LU0705572823) visto che, invece di investire principalmente su indici di commodity che normalmente hanno un origine derivativa come fanno gli Etf, puntano su aziende che operano in uno specifico settore incorporando quindi anche la performance specifica della singola realtà aziendale selezionata dal gestore». Del resto il vero plus delle materie prime è quello di essere (per quanto possibile) nemiche della volatilità. Perché «sono in grado di fornire benefici in termini di diversificazione di portafoglio, sottolinea de Bunsen di Henderson Global Investors. «L' oro è probabilmente il miglior modo per diversificare, coprendo gli investitori dai rischi geopolitici, dal quantitative easing e dall' inflazione».

di Gianluca Baldini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burago426

    12 Agosto 2016 - 20:08

    e bravi, l'avete acquistato quando le quotazioni erano basse ed ora che sono salite del 25 e 41% volete che lo compriamo noi? Macchero'.

    Report

    Rispondi

blog