Cerca

Dati Istat 2012

Mai così tanti disoccupati,
Pil e consumi a picco
Il disastro di un anno con Monti

I senza lavoro sono aumentati del 2,1% in soli dodici mesi, arrivando a quota 11,7%. Il numero uno di Confindustria Squinzi: "Situazione agghiacciante"

La pressione fiscale è al 44%, contro il 42,6 del 2011
Mai così tanti disoccupati,
Pil e consumi a picco
Il disastro di un anno con Monti

Un bollettino di guerra senza precedenti. E' quello dei dati sull'economia del 2012 diffusi oggi dall'Istat, l'Istituto nazionale di statistica. Quelli più preoccupanti riguardano, ancora una volta, il lavoro: il tasso di disoccupazione è salito all'11,7%, con una crescita del 2,1% in dodici mesi. La disoccupazione giovanile, cioè quella dei giovani sotto i 24 anni (che non lavorano nè studiano) addirittura al 38,7%. Dati che il numero uno di Confindustria Giorgio Squinzi ha definito con una sola parola: "Agghiaccianti". Il resoconto delle mirabolanti imprese di Monti e soci prosegue con i dati sul Prodotto interno lordo (Pil), che l'anno scorso è crollato del 2,4% (e il fatto che il dato sia "in linea con le attese del governo" non consola di certo, anzi). Il rapporto tra debito e pil ha toccato il livello record di ogni tempo a quota 127%. Poi c'è il fronte-tasse, che rappresenta la pagina più dolorosa per gli italiani: secondo l'Istat, nel 2012 la pressione fiscale è salita al 44% contro il 42,6% del 2011. E con le tasse sempre più svuotate dal fisco, gli italiani comprano sempre di meno, tanto che i cpnsumi sono crollati del 4,3%. Con la merce che resta sugli scaffali, la produzione si ferma: il dato su base annua segna un -6,8%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    02 Marzo 2013 - 16:04

    Non è tutto così semplice. La colpa gravissima di Monti è stata quella di non aver tagliato con motosega una infinità di spese inutili e sprechi. Partendo da una maggioranza bulgara lo poteva e doveva fare ma si sa il Monti è un tentenna o se preferisci uno senza attributi. Poi dobbiamo mettere nel conto la crisi che morde pesantemente in tutto il mondo occidentale e non solo. Per finire non possiamo ignorare i governi ( moltissimi) che abbiamo avuto da 30 e più anni, formati da bande di ladri; gente incapace, fannullona, presuntuosa e ignorante. A tutto ciò aggiungi le fregole dei PM d'assalto che per la loro personale esclusiva visibilità hanno messo trappole di ogni tipo.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Marzo 2013 - 14:02

    è sotto gli occhi di tutti. Sbattetelo via , luyi e la sua mafia, e vi sentirete onesti.

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    01 Marzo 2013 - 18:06

    nel ventennio che lei, psicogigante, cita abbiamo avuto governi Amato, Ciampi, Dini, Prodi, Dalema e, peraltro, in anni di benessere e non di crisi mondiale.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    01 Marzo 2013 - 18:06

    Ha salvato l'Italia! Ecco come i numeri ci raccontano il triste epilogo di una favola!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog