Cerca

Affare Mediaset Premium

Fininvest fa causa a Vivendi: chiesti danni per 570 milioni di euro

Fininvest fa causa a Vivendi: chiesti danni per 570 milioni di euro

Il danno c'è già. E bello grosso. Perchè dal momento in cui Vivendi ha annunciato un nuovo schema di accordo col Biscione in merito all'acquisizione di Mediaset premium, il titolo Fininvest ha lasciato sul terreno in Borsa il 15% del suo valore. E così oggi, come peraltro atteso da qualche giorno, è arrivato l'atto di citazione con tanto di richiesta danni: "Fininvest ha depositato in data
odierna presso il Tribunale di Milano, per la notifica, un atto di citazione al fine di ottenere che a Vivendi venga ordinato di dare pieno adempimento al patto parasociale allegato al contratto firmato con Mediaset in data 8/4/2016" si legge nella nota.

"Nell’atto Fininvest chiede in ogni caso il risarcimento dei gravi danni già subiti. Tali danni ammontano ad una cifra non inferiore a 570 milioni di euro, correlati fra l’altro alla diminuzione di valore delle azioni Mediaset in conseguenza dell’accaduto, al mancato apprezzamento delle stesse ove si fosse dato corso all’esecuzione del contratto, nonchè all’evidentissimo danno di immagine". La mossa del gruppo guidato da Marina Berlusconi anticipa di qualche giorno il consiglio di amministrazione di Vivendi in cui, giovedì, il gruppo francese esaminerà i conti dei primi sei mesi del 2016 e la crisi con Mediaset.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Agosto 2016 - 11:11

    Chiede quanto occorre al gruppo di papa' per rimettersi in piedi

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    29 Agosto 2016 - 11:11

    Marina ed i suoi legali valgono zero. Se le azioni sono discese senza il patto con Vivendi, vuol dire che Vivendi avrebbe rappresentato l'aspetto positivo e Fininvest/Mediaset quello negativo. I bilanci danno per Mediaset una montagna di debiti (e anche di Berlusconi che sta vendendo per sopravvivere ad un fallimento; solo FI gli costa l'ira Di Dio)

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    24 Agosto 2016 - 11:11

    Leggendo i commenti si capisce perché l'Italia è un paese delle banane. Indipendentemente chi sia l'imprenditore in causa (a me Berlusconi sta sulle palle) se vi è un accordo firmato è da rispettare, se dopo ognuno vuole fare quello che vuole altra cosa. Ma i commenti che ho letto mettono in chiara evidenza la mancanza di parola del popolo italiano. Non lamentiamoci siamo trattati da pezzenti

    Report

    Rispondi

  • kufu

    24 Agosto 2016 - 07:07

    Azzz che con questo mancato accordo diventino poveri? Dopo anni di lavoro, dopo anni di governo in cui il padre si è dovuto impegnare in politica per il bene della famiglia, sarebbe una vera sciagura

    Report

    Rispondi

    • imahfu

      29 Agosto 2016 - 12:12

      Non s'è impegnato per l'Italia o per la famiglia ma per truffare. Ed è stato condannato Rivedi Tahar Ben Amman, le carte d'America, i villaggi alle Antille (che fiasco !)

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog