Cerca

Italia in bancarotta

Il piano tedesco per colpire i bot: così alzeranno lo spread

Il piano tedesco per colpire i bot: così alzeranno lo spread

Che in questi anni la Germania abbia pensato più a tutelare i propri interessi che a salvaguardare l'Unione dell'Europa, lo dicono i fatti e la gestione (caso Grecia su tutti) spesso incomprensibile dei meccanismi di austerity e di controllo dei conti pubblici che ha imposto a Bruxelles. Ma se qualcuno aveva ancora dei dubbi gli basterebbe leggersi il documento sui debiti pubblici dei singoli Paesi dell'Ue, rivelato dal Corriere della Sera e partorito dalla mente del cosiddetto Consiglio degli esperti economici di Berlino, per cambiare idea.

I cinque saggi hanno un compito: valutare l'impatto delle politiche economiche per la Germania. E per evitare che in futuro i cittadini tedeschi corrano il rischio di ripagare il debito di qualche Paese periferico dell'Unione hanno pensato bene di blindarli. Come? Proponendo di applicare il meccanismo del "bail in" previsto per le banche anche ai debiti sovrani e quindi ai titoli di Stato. In soldoni: ai nostri non è bastato imporre la scure su azionisti, obbligazionisti e depositanti sopra i 100mila euro per risanare una banca che chiede aiuto. Vorrebbero «tagliare» anche i creditori di un Paese che va in crisi di liquidità. Detto in modo ancora più chiaro: se uno Stato chiede aiuto per pagare il suo debito a farne le spese sarebbero innanzitutto i possessori dei singoli pubblici e non gli altri Paesi membri dell'Eurozona.

Il meccanismo dovrebbe funzionare così: se l'Italia chiede l'intervento dell'Esm (il fondo di salvataggio europeo) c'è un immediato rinvio della scadenza di Bot, Btp ecc. E se lo stesso Esm dovesse giudicare che nonostante il trascorrere del tempo quel debito resta insostenibile allora si procederà al taglio del valore effettivo dei titoli. Si dirà: niente paura, è una semplice proposta elaborata da un consiglio dei saggi di un Paese membro dell'Unione. Insomma, non ha nessun valore vincolante. Ma è vero in parte. Innanzitutto perché le idee fabbricate dai superesperti di Berlino influenzano spesso e volentieri il potentissimo ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble. E poi perché c'è un precedente che fa capire quanto la tentazione di imporre una ulteriore stretta sia radicata nella cultura della Merkel e compagni.

Ottobre del 2010, siamo nella località turistica di Deauville, in Normandia, quando la Cancelliera e l'allora presidente francese Sarkozy tentarono una sorte di golpe sull'Europa per sterilizzare altri casi Grecia, manifestando la volontà di coinvolgere anche i privati nel pagamento dei debiti dei Paesi membri che chiedevano di essere salvati. Non se ne fece nulla, ma gli speculatori ci andarono a nozze. Ed è quello che potrebbe succedere anche oggi. Perché l'unica certezza è che minacciare gli investitori è il modo migliore per allontanarli dall'investimento stesso.

Non solo. Perché un investimento più rischioso deve essere pagato di più, con un conseguente aumento degli spread che hanno come punto di riferimento i sempre solidi bund tedeschi. Proprio quello che non serve ai Paesi che hanno un debito pubblico monstre come l'Italia.

di Tobia De Stefano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leonardo Caroti

    02 Settembre 2016 - 00:12

    Tanto i debiti creati da questa classe politico/amministrativa è pressoché inesorabile che li paghino gli Italiani con i propri risparmi. In soldoni nel futuro prossimo sentiremo dirci dai nostri tanto amati partner europei: il debito Italiano è insostenibile, dovete "rientrare", gli Italiani hanno i risparmi, ora li prendiamo noi. E cosi diventeremo un popolo di pezzenti "gastarbaiter".

    Report

    Rispondi

  • AndreaCorsaro

    29 Agosto 2016 - 13:01

    la germania vorrebbe ridurci come la grecia distruggendo la nostra industria.purtroppo complici quelli adepti bruxelliani che ci governano la merkel stà riuscendo nel suo intento.la francia idem ,speriamo che gli italiani si sveglino e che chiedano il referendum per uscire dalla prigione illuminata europa

    Report

    Rispondi

  • demaso

    29 Agosto 2016 - 12:12

    Soltanto renzi e Napolitano ed altri ben pensanti non capiscono il danno che questi pseudo politici hanno fatto ai cittadini o forse lo sapevano e lo sanno ma i loro affari contano di più, ma quello che è peggio è che si ostinano a non capire che la maggioranza degli italiani non vuole questo tipo di Europa fatta su misura sulle banche e quindi sulla Germania!

    Report

    Rispondi

  • begeca

    27 Agosto 2016 - 12:12

    la Germania con la scusa di salvare la Grecia si è comprata tutti i Porti e aeroporti non ha regalato nulla alla Grecia sono diventati i Proprietari di una Nazione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog