Cerca

La presidente di FdI

Giorgia Meloni, l'intervento su Libero: Merkel sanguisuga. Come ci frega, come reagire

Giorgia Meloni

C’era una volta la “locomotiva tedesca”. Oggi abbiamo la “sanguisuga tedesca”, perché da quasi 15 anni, grazie alla gabbia dell’euro, la Germania si arricchisce sottraendo ricchezza al resto d’Europa. Nel 2016 la Germania realizzerà un surplus record delle partite correnti attorno ai 310 miliardi di dollari, equivalente all’8,9% del suo Pil. È dal 2002 che la Germania ha un saldo positivo delle partite correnti ed è dal 2007 che lo fa violando le regole europee che stabiliscono che uno Stato membro non possa generare un surplus superiore al 6% nella media dei 3 anni.

Il motivo di questa regola è semplice: se uno Stato membro esporta costantemente più di quanto importa vuol dire che si sta arricchendo impoverendo gli altri. È quello che fa la Germania. Perché è più brava? Forse, ma soprattutto grazie alla moneta unica europea. Prima dell’introduzione dell’euro la Germania aveva un saldo negativo delle partite correnti. Non è una coincidenza. Finché c’erano le monete nazionali, gli scambi tra gli Stati membri erano mitigati dal tasso di cambio delle valute. Questo meccanismo di regolazione naturale è venuto meno con l’euro: la Germania non ha più il problema di un marco troppo forte per le sue esportazioni e l’Italia non ha più il vantaggio di una lira che possa rendere più competitivi i propri prodotti.

Certo, se la Ue funzionasse, se l’Italia avesse un governo serio che facesse sentire la sua voce, se la Merkel pensasse anche al bene del Continente e non solo agli interessi dei tedeschi, se la politica avesse più peso e la grande finanza meno, se, se, se, allora la moneta unica potrebbe anche funzionare. Ma allo stato attuale non funziona. Ce lo certificano i dati Eurostat sull’andamento del Pil, ce lo dicono i dati sugli scambi commerciali, i nostri tassi di disoccupazione, le famiglie sempre più povere e i nostri anziani sempre più in difficoltà.

Cos’altro dobbiamo aspettare? Liberiamoci dalla zavorra dell’euro e vediamo come se la cavano i tedeschi a competere con le imprese italiane ad armi pari.

di Giorgia Meloni
Presidente di Fratelli d'Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cartonito

    17 Settembre 2016 - 16:04

    Viktor campus te l'ho detto ieri ,ritorna nella caverna da dove sei uscito stai bene solo li ,così quando vomiti cacca come ora non ti vede nessuno.

    Report

    Rispondi

  • lupoclauss

    09 Settembre 2016 - 18:06

    I nostri politici abbondano solo di mediocrità. E di tasche piene e pance piene, portafogli e conti pieni a spese nostre ...

    Report

    Rispondi

  • orione1950

    orione1950

    09 Settembre 2016 - 17:05

    Ma a questo punto, perché parlare di uscita dall'euro invece di contestare alla Germania il suo non rispetto delle regole? e da sudditi accettare l'imposizione delle regole quando chi le impone non le rispetta.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    09 Settembre 2016 - 17:05

    Meloni le considerazioni sono giuste ma la domanda sorge spontanea: come mai i nostri politicanti (destra, sinistra e centro) non rappresentano queste considerazioni in sede europea? Sono incapaci o conniventi con interessi personali? Qualcuno ce lo dovrà spiegare prima o poi! Speriamo prima che salti tutto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog