Cerca

I dati dell'agenzia Aran

Dipendenti pubblici, la classifica degli stipendi. Ecco chi è che intasca più di tutti

Dipendenti pubblici, la classifica degli stipendi. Ecco chi è che intasca più di tutti

La classifica degli stipendi dei dipendenti statali aggiornata dall'agenzia Aran è destinata a scatenare non poche polemiche, anche all'interno dell'esercito dei lavoratori dello Stato. Come riporta il Messaggero, tra i 3,2 milioni di lavoratori esistono differenze che farebbero saltare i nervi anche al santo più pacifico. L'abisso che più salta agli occhi è quello, per esempio, tra la retribuzione di un bidello e un dirigente di prima fascia delle agenzie fiscali: i secondi intascano ogni mese dieci volte quello che porta a casa il povero collaboratore scolastico.

Secondo i dati della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014, infatti, a guidare la lista dei paperoni statali ci sono proprio i dirigenti di vertice dell'Agenzia delle Entrate, Dogane, Demanio e Monopoli che ogni anno posso contare su un'entrata di 220 mila euro. Sono i loro stipendi a sovrastare tutti, più alti dei colleghi di Inail e Inps a 217 mila, dei ministeri a 178 mila.

Non se la passano male neanche i semplici dipendenti, soprattutto quelli che lavorano in autorità indipendenti come Antitrust e Agcom che guadagnano 74 mila euro all'anno. Non male anche i lavoratori di Palazzo Chigi con 49 mila euro all'anno. Avranno di che lamentarsi i dipendenti di Regioni e Comuni che non vanno oltre i 28 mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gescon

    19 Settembre 2016 - 06:06

    Servi

    Report

    Rispondi

  • sipa1932

    19 Settembre 2016 - 01:01

    continua, raddoppiare le pensioni minime se poi si smettesse di finanziare gli immigrant altri 5 miliardi, l"Italia andrebbe a gonfie vele.... invece??? votate PD e continueremo a fare la fame specialmente I pensionati e I disoccupati. a proposito nel 2011 la disoccupazione era al 7% ora e' al 13% eravamo terzi in Europa ora siamo ultimi... grazie PD grazie Napolitano

    Report

    Rispondi

  • sipa1932

    19 Settembre 2016 - 01:01

    altra categoria di ladroni autorizzati dai sindacati e dallo stato italiano se si tagliasse il 20% delle spese della P.U. si risparmierebbero 20 miliardi all'anno., poi tra vitalize, pensioni d'oro e pensioni triple e quadruple e di reversibilita, si risparmierebbero altri 5 miliardi fate un po' voi I conti , ce ne sarebbe per eliminare le tasse .Rai, Bollo auto, Ici, Irpef le gabelle sui carbur

    Report

    Rispondi

blog