Cerca

L'economista di sinistra

Luigi Zingales: "L'Italia così non regge, o vera unione fiscale o addio Euro"

Luigi Zingales: "L'Italia così non regge, o vera unione fiscale o addio Euro"

"O introduciamo una politica fiscale comune che aiuti i paesi in difficoltà o dobbiamo recuperare la nostra flessibilità di cambio". Tradotto: o unione monetaria e fiscale vera dentro l'Unione europea, o addio euro. A dirlo è Luigi Zingales, autorevole economista della University of Chicago, storico commentatore per il gruppo Espresso e soprattutto vicino alle posizioni riformiste della sinistra italiana. La tesi di Zingales è chiara: Matteo Renzi sta sbagliando obiettivo, perché "il problema non è qualche punto decimale di flessibilità, ma la vera struttura dell'unione monetaria".

"Unione vera o addio euro" - "Senza una politica fiscale comune l'euro non è sostenibile - spiega intervistato da Repubblica - o si accetta questo principio o tanto vale sedersi intorno a un tavolo e dire: bene, cominciamo le pratiche di divorzio. Consensuale, per carità, perché unilaterale costerebbe troppo, soprattutto a noi". Dopo la Brexit, dunque, anche l'uscita dell'Italia dalla moneta unica non dev'essere più un tabù.

"Il problema non è la flessibilità" - Probabilmente, avverte Zingales, qualcosa Palazzo Chigi riuscirà a strappare all'austero duo Merkel-Schaeuble, perché con le elezioni in Germania vicine i due falchi tedeschi del rigore hanno tutto l'interesse a non far saltare il banco, a innescare la "bomba italiana" che potrebbe travolgere anche loro insieme a Bruxelles. "Ma il vero problema - ribadisce l'economista - non è la flessibilità, bensì la struttura incompleta dell'unione monetaria". Renzi dovrebbe "smetterla di elemosinare decimali da spendere a scopi elettorali rendendosi poco credibile. Dovrebbe invece iniziare una battaglia politica a livello europeo. Dire chiaramente che alle condizioni attuali l'euro è insostenibile. Il nostro Paese non cresce da vent'anni. Quanto ancora possiamo andare avanti?".

"Di cos'ha paura Berlino" - La battaglia in Europa sarà dura, "tremendamente difficile", perché mentre tutto il mondo si avvia versa una politica espansiva (dagli Usa, sia con Trump sia con la Clinton, fino a Gran Bretagna e Giappone) la Germania che detta le regole europee teme di dover pagare il conto delle spese altrui e, in fondo, "le conviene che questa situazione continui all'infinito". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog