Cerca

Accordo coi sindacati

Pensioni, quattordicesima a chi ha un reddito fino a mille euro

Pensioni, quattordicesima a chi ha un reddito fino a mille euro

C’è un primo accordo sulle pensioni tra Governo e sindacati. Al termine dell’incontro di oggi, le parti hanno siglato un verbale condiviso che sintetizza in cinque cartelle i cardini della riforma. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha spiegato che il Governo conta di destinare 6 miliardi in tre anni per gli interventi e che confida di poter portare l’intesa in legge di Bilancio. Il confronto governo-sindacati proseguirà per individuare la platea di coloro che potraenno usufruire dell’Ape sociale. E l’intesa
manca anche sulla definizione di lavori usuranti.

Ape (Anticipo di pensione) - I lavoratori di età pari o superiore a 63 anni e che maturano entro 3 anni e 7 mesi il diritto alla pensione di vecchiaia d’importo non inferiore a un certo limite, potranno accedere su base volontaria all’Ape, l’anticipo pensionistico. È previsto un periodo di sperimentazione della durata di due anni. L’Ape volontaria è richiesta presso l’Inps ed è finanziata da un prestito corrisposto da un istituto di credito; contestualmente al prestito il richiedente accende un’assicurazione contro il rischio di premorienza con una compagnia assicuratrice. L’Ape è esente da imposte ed è erogata mensilmente per dodici mensilità. La restituzione del prestito (comprensiva degli interessi bancari e degli oneri relativi alla polizza assicurativa) avviene a partire dalla data di pensionamento con rate di ammortamento costanti per una durata di vent’anni. In caso di decesso, il capitale residuo sarà rimborsato dall’assicurazione e quindi non si rifletterà sull’eventuale pensione di reversibilità o sugli eredi.

Governo e sindacati intendono poi prevedere un’Ape agevolata per alcune categorie, tramite la definizione di bonus fiscali aggiuntivi o di trasferimenti monetari diretti, volti a garantire un «reddito ponte» interamente a carico dello Stato per un ammontare prefissato(ferma restando la facoltà dell’individuo di richiedere una somma maggiore). Tale intervento agevolato
riguarderà alcune categorie di lavoratori: disoccupati e privi di reddito, coloro che svolgono lavori pesanti o rischiosi, in particolari condizioni di salute, o con parenti di primo grado conviventi con disabilità grave.

Quattordicesima - Verrà corrisposta ai pensionati che hanno un reddito personale complessivo fino a mille euro al mese. La
platea dei beneficiari passerebbe così da 2,1 milioni a 3,3 milioni.

No tax area - Nel verbale è previsto, completando il percorso avviato con la scorsa legge di stabilità dai pensionati con
più di 74 anni, l’aumento della detrazione d’imposta (riconosciuto a fino a 55 mila euro) per tutti i pensionati al fine di uniformare la loro no tax area a quella dei lavoratori dipendenti (8.125 euro).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gcarlo19

    14 Ottobre 2016 - 23:11

    Mandiamo a casa questo venditore di pentole, o continuiamo a farci prendere in giro con le promesse che sà di non poter mantrnere?

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    29 Settembre 2016 - 19:07

    In pratica chi ha mille euro è come se ne guadagna 1070; chi ne prende 1050, in aggiunta, se lo prende pure nel didietro. BUFFONI DA SEME.

    Report

    Rispondi

  • Leopard47

    29 Settembre 2016 - 09:09

    Buffoni tutti quanti sindacati compresi che si fanno sempre sentire anni luce dopo pero percepiscono l'ovulo molto prima INCAPACI E LADRI.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    29 Settembre 2016 - 08:08

    Insomma, pare che il governo di Renzi, con la sua corte di nani e ballerine,, elargirà ai pensionati 6 miliardi di euro in 3 anni. Ma, se non spendesse per i migranti 3 miliardi all'anno, in 3 anni i miliardi per i nostri fratelli pensionati avrebbero potuto essere 15. E invece... e invece no. E allora pensateci bene, cari italiani, e al referendum andate tutti a votare con un bel NO.

    Report

    Rispondi

    • SGis

      03 Ottobre 2016 - 18:06

      Spero tanto che gli Italiani non si dimostrino essere degli accattoni facendosi comprare con pochi spiccioli da parte di quel Pinocchio di Renzi. siate italiani VOTATE NO E RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PAESE... RIPETO NOSTRO!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog