Cerca

Il tagliando che vale una fortuna

Buoni postali, tutti gli interessi delle serie d'oro devono essere pagati

Buoni postali, tutti gli interessi delle serie d'oro devono essere pagati

In tempi di spending review volevano mettere la mani anche sui buoni postali. In particolare sui rendimenti d'oro garantiti negli anni '70. Ma una sentenza del Tribunale di Cassino, ora, intima allo Stato di non toccare il tesoretto. Rimborso a carico di Poste italiane, giurisdizione del giudice ordinario, calcolo degli interessi secondo quanto pattuito in origine: è quanto viene messo nero su bianco dalla pronuncia Nrg 974/14 del 9 settembre scorso, ripresa da Il Sole 24 Ore e relativa ai contenziosi seriali tra i detentori di buoni postali emessi nell'epoca d'oro (dal 1974 al 1986) e l'ex azienda statale, le Poste appunto.

La sentenza si schiera apertamente al fianco degli investitori: in primis per il riconoscimento degli interessi, da calcolare applicando le condizioni originali (i rendimenti erano abbondantemente sopra la doppia cifra). La vicenda gravita attorno a un investitore che a inizio 2014 ha chiesto di farsi rimborsare alcuni buoni postali della serie dorata, la serie "O", che insieme alle "M" e "N" sta creando molti problemi d'interpretazione. Dopo un lungo iter giudiziario, il tribunale di Cassino ha respinto tutte le eccezioni della parte resistente e ordinato il pagamento di tutti i titoli di credito portati all'incasso, al lordo della ritenuta fiscale, per un importo complessivo di oltre 910mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    07 Ottobre 2016 - 15:03

    No Fausta quelli che avevo rendono anche dal 20° al 30° anno.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    06 Ottobre 2016 - 11:11

    Io sapevo che dopo 20 anni i buoni non fruttano più interessi, ma il capitale devono darlo, con gli interessi maturati nei primi 20 anni. Forse prima non era così?

    Report

    Rispondi

blog