Cerca

Schiaffo di Putin

La Russia non paga il padiglione all'Expo: così fallisce un'azienda italiana

La Russia non paga il padiglione all'Expo: così fallisce un'azienda italiana

Il 1 maggio 2015 Alessandro Cesca, titolare della Sech Costruzioni Metalliche spa di Refrontolo (Treviso), abbracciava uno per uno tutti i suoi operai: come racconta il quotidiano "La Stampa", avevano finito a tempo di record il loro cantiere al padiglione della Russia, quando nessuno ci avrebbe scommesso un euro.

Due giorni fa, il 17 ottobre, è da solo quando legge la sentenza del Tribunale di Treviso che accoglie l' istanza dei fornitori e decreta il fallimento dell' azienda, dopo una storia di oltre quarant' anni. Dal momento più alto a quello più basso della sua vita di imprenditore sono passati 535 giorni. Un anno e mezzo scarso in cui ha lottato contro i mulini a vento, perché quei lavori all' Expo la Russia non li ha mai pagati. Quei 400 mila euro non incassati si sono fatti sentire, eccome, perché hanno aperto la crisi di liquidità che ha portato al crac della Sech Costruzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    20 Ottobre 2016 - 15:03

    Come mai questo imprenditore non sta a cuore a voi fascioleghisti infatuati di Putin? Pensate se fosse stato Obama a non onorare il debito, Alessandro Cesca sarebbe diventato vostro idolo ed eroe, alla pari di Caprotti! Poveri banana...

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    20 Ottobre 2016 - 12:12

    butin, costruisci qualche bomba in meno e paga i debiti, altro che imbargo vi manderei tutti i vostri fan che stanno qui insieme al grande latrin lover, ma i debiti si pagano,dove cazzo credi di essere in russia che dove quello che e' mio e mio e quello che e' tuo e anche mio. barbone.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    20 Ottobre 2016 - 11:11

    sanzionano la Russia, una nazione che ha il debito pubblico pari al circa 35% del pil che ha le materie prime le risorse energetiche che sta acquisendo all'estero tecnici e tecnologia per produrre in loco quello che occorre. è come fare a cappellate con i passeri.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    20 Ottobre 2016 - 11:11

    ...abbiamo accettato di imporre l'Embargo???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog