Cerca

All’iniziativa, promossa da Fedele Santomauro, sono intervenuti Giuseppe Scolaro, Paolo Longoni e Maria Vittoria Tonelli

Trani, inaugurato lo sportello previdenziale della Cassa Ragionieri

Trani, inaugurato lo sportello previdenziale della Cassa Ragionieri

Da sinistra Paolo Longoni, Fedele Santomauro, Maria Vittoria Tonelli e Giuseppe Scolaro

TRANI - È stato inaugurato, nel corso del convegno “La Cassa Ragionieri nello scenario della previdenza italiana”, lo sportello previdenziale a favore degli iscritti della Cnpr presso la sede dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Trani.
“L'ingresso degli esperti contabili nella Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri è un successo che permette all'intero mondo della previdenza di fare un passo in avanti – ha sottolineato Fedele Santomauro, consigliere d’amministrazione della Cnpr e promotore dell’iniziativa pugliese -, ma è soprattutto un risultato che offre a questa nuova figura professionale la possibilità di poter disporre di un percorso previdenziale. La vera sfida, ora, sarà quella di far comprendere ai giovani quali sono le opportunità legate a questa professione. Ciò sarà possibile grazie ad un piano strategico che possa offrire un nuovo percorso professionalizzante con l'alternanza università/lavoro, già apprezzato anche dal ministro del lavoro, Giuliano Poletti”.

Secondo Giuseppe Scolaro, vicepresidente della Cassa ragionieri: “Sul fronte del recupero del debito demografico e della crescita economica dei redditi, occorre ripensare ai percorsi di formazione al fine di incentivare la diversificazione dell’offerta formativa, che consenta l’ampliamento di specializzazioni e competenze, tali da diversificare la concentrazione della presenza professionale in aree quali quella economico sociale e giuridica. E' necessario ampliare le aree di attività esercitabili con percorsi di laurea triennale, al fine di consentire un più rapido accesso al mondo del lavoro, in tutti i settori professionali. In questo modo si può accelerare anche il ricambio generazionale e il percorso della vita contributiva”. 

“Le Casse svolgono prestazioni di welfare – ha evidenziato il consigliere del CdA dell’Ente previdenziale Paolo Longoni -, che si estrinsecano in assegni alle famiglie con figli disabili, contributi straordinari e sussidi per eventi straordinari, polizze gratuite per gli iscritti per assistenza sanitaria e a copertura del caso morte; ed anche assistenze specifiche dirette allo sviluppo ed alla crescita professionale come le borse di tirocinio formativo e i contributi in conto interessi per i prestiti d’onore. Ed erogano naturalmente le prestazioni pensionistiche di invalidità e di inabilità e l’assegno di maternità alle professioniste madri. Queste prestazioni di welfare diretto sono naturalmente finanziate soltanto da risorse contributive versate dagli iscritti”.
In conclusione Maria Vittoria Tonelli, consigliere d'amministrazione della Cnpr, si è soffermata sulla funzione del bilancio sociale recentemente approvato dalla governance dell’istitutio pensionistico: “Il percorso legislativo in atto da cui deriverà una sostanziale riforma del Terzo Settore pone il bilancio sociale al centro di un interesse supremo: da esso deriverà la meritevolezza per accedere o mantenere il ricorso ad aiuti ed agevolazioni pubbliche, ma soprattutto esso rappresenterà il più idoneo strumento di analisi del nucleo vitale che alimenta la missione no-profit. Il bilancio sociale della Cnpr è un documento che rendiconta le responsabilità, i comportamenti e i risultati sociali, ambientali ed economici delle attività da essa poste in essere in funzione dei principi statutari e della connessa legislazione. Siamo certi che sia in grado di offrire un'informativa puntuale a tutti i soggetti interessati, non ottenibile attraverso la sola informazione economica contenuta nel bilancio d'esercizio”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog