Cerca

Lo ha detto Luigi Scotti, Presidente della Commissione ministeriale per la riforma del Csm in un’intervista a “Mattina 9”

"Quando proposi ai magistrati di raddoppiare la produttività minacciarono uno sciopero"

0
"Quando proposi ai magistrati di raddoppiare la produttività minacciarono uno sciopero"

Luigi Scotti intervistato da "Mattina 9"

NAPOLI - “I tempi della giustizia sono una tragedia: mancano 1200 magistrati, da venti anni non vengono indetti concorsi per funzionari di cancelleria e il numero di leggi è oltre l'ordinario. Tutto ciò finisce ovviamente per avere un peso. Sarebbe ottimo se tutte le caselle vuote fossero riempite, se si facessero i concorsi per i funzionari e se i magistrati si rimboccassero le maniche e lavorassero un po' di più. Sono stato presidente del Tribunale di Roma e dicevo ai colleghi in maniera provocatoria di raddoppiare la produttività: a momenti mi fecero uno sciopero contro. Poco a poco, però, aumentarono la produttività, quindi è un risultato che si può ottenere”. Lo ha detto Luigi Scotti, presidente della Commissione ministeriale per la riforma del Csm, in un'intervista rilasciata a “Mattina 9, il programma in onda sull'emittente Canale 9 - 7 Gold.
Sulla riforma del Csm, l'ex ministro della Giustizia ha detto: “La trasparenza è uno degli obiettivi, tutta l'attività che si svolge nel Consiglio deve essere fatta alla luce del sole. Il Csm è uno strumento per una giustizia migliore, perché un giudice autonomo e indipendente vuol dire una giustizia migliore e a servizio della collettività”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media