Cerca

L'indiscrezione

Il patto tra Ue e Renzi: manovra ok, resa dei conti nel 2017

Il patto tra Ue e Renzi: manovra ok, resa dei conti nel 2017

La resa dei conti, anzi sui conti, è solo rinviata. Secondo un'indiscrezione pubblicata da Repubblica, è pronto il via libera europeo alla manovra del governo Renzi. Un via libera condizionato però, perché il giudizio è sospeso fino al 2017. Palazzo Chigi avrà cioè il tempo di spiegare le coperture e quantificare le spese per terremoto e migranti che per ora vuole escludere dal deficit. Nel frattempo, Renzi continuerà a trattare con Juncker nella speranza (un po' più concreta) che anche per il biennio 2017-18 la Ue allenti la morsa dell'austerità

Per ora, dunque, nessuna richiesta di correzione o di manovra aggiuntiva nonostante sulla finanziaria Renzi sia andato allo scontro frontale con Bruxelles. Dopo aver beneficiato di 19 miliardi di flessibilità tra 2015 e 2016 senza peraltro far scendere il deficit dal 2,4% del Pil all'1,8% nel 2017, come promesso in contropartita da Padoan appena lo scorso maggio. La sensazione è che i vertici Ue non vogliano infierire in attesa del risultato del referendum. Se Renzi vincerà la sfida del 4 dicembre (o semplicemente resterà ancora in carica, nonostante la sconfitta), la partita si riaprirà e sarà una grossa ipoteca sul futuro del premier. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aaronrod

    15 Novembre 2016 - 15:03

    Ricordate cari amici che postate i vostri commenti, che questo Governo, è quello che ficcherà su tutte le auto in accordo con la stronza di UE, la scatola nera e che ci toccherà pagare noi. Sinceramente a me sta bene la scatola nera, nulla da nascodere, ma se devo spendere altri soldi su un auto da mille euro, vadano davvero a vanc......tutti. Ricordiamocelo mentre voteremo. Ce lo stanno mettendo!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    15 Novembre 2016 - 13:01

    I furbetti di Bruxelles lo hanno capito! Se, dopo la Brexit, dopo il malcontento che aleggia in molti paesi appartenenti all'unione, anche l'Italia dovesse puntare i piedi, da dove ricaverebbero i loro guadagni? Ci danno questa opportunità nell'illusione che al Referendum vinca il si e poi, in quel caso, applicherebbero i capestri a loro congeniali. Ecco perchè dobbiamo votare NO per sciogliere qu

    Report

    Rispondi

  • Piranhaottavo

    15 Novembre 2016 - 11:11

    Come si può continuare a dare credito ai vertici responsabili ( trafficanti della moneta Comunitaria ) se continuano ad essere raggirare le regole Comunitarie sancite, decretate dai Membri di tutta l'Unione Europea monetaria ?

    Report

    Rispondi

blog