Cerca

Denari

Massimo Moratti, dopo l'addio all'Inter dividendo dalla Saras di 80 milioni alla famiglia

Massimo Moratti

Senza l’Inter la famiglia Moratti torna a incassare i dividendi. Dalla Saras (la raffineria in Sardegna fondata sessant’anni fa dal vecchio Angelo) hanno ricevuto una cedola di 80 milioni che i fratelli si sono divisi equamente. Quaranta sono andati alla società personale di Massimo e l’ex presidente dell’Inter li ha incassati quasi per intero (38,9 milioni) mentre Gianmarco si è fermato a ventiquattro milioni mettendo il resto fra le riserve della cassoforte di famiglia.

Erano sette anni che la cedola era scomparsa e la resurrezione potrebbe avere riflessi sul futuro dell’Inter. Il collegamento è questo: Massimo Moratti ha venduto la squadra perchè non era più in grado di reggere lo sforzo economico. In diciotto anni ha speso circa un miliardo e, per finanziare la passione ha venduto, insieme al fratello, la metà di Saras: prima quotandola in Borsa e poi facendo entrare i russi di Roseneft.

Dal 2009 la situazione è precipitata perchè dalla raffineria usciva poca benzina e nessun dividendo. Da qui la decisione di vendere a Thohir e il successivo passaggio ai cinesi. Non si può certo dire che i risultati sportivi siano stati un successo. È vero che il triplete del 2010 è un ricordo da bacheca. Ma il campionato di quest’anno al momento è da dimenticare. Ed ecco allora che qualche sogno potrebbe riprendere consistenza. Perchè la novità è questa: il dividendo di Saras non resterà isolato. Il prezzo del petrolio resta basso e questo consente buoni utili alla raffineria. Nei primi nove mesi ha guadagnato 156 milioni che sono tanti anche se pari alla metà dell’anno scorso.

Comunque il dividendo è assicurato anche per il 2017. Se la gestione dei cinesi resta tanto deficitaria Moratti potrebbe avere i soldi per provare a rientarre in partita magari rilevando la quota di Thohir. Dipende se ne ha ancora voglia.

di Nino Sunseri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • costalfonsi

    19 Novembre 2016 - 16:04

    Ma si può essere più sprovveduti (volevo scrivere altro)!! Spendere 1 miliardo di euro, senza la possibilità di guadagnarci su, per portare avanti l'Internazionale!!! Per vincere un triplete, ricco di gloria ma fallimentare dal punto di vista economico. Un altro paio di anni e dovevano andare a mangiare alla Caritas. Massimo, c'è voluto tempo ma alla fine l'hai capita.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    19 Novembre 2016 - 14:02

    Va bene che non è molto furbo, ma rientrare nell'Inter sarebbe da vero demente.

    Report

    Rispondi

blog