Cerca

La condanna dell'Antitrust

La truffa dei mutui. Così le banche ci hanno fregati: ecco le carte (finora) segrete

La truffa dei mutui. Così le banche ci hanno fregati: ecco le carte (finora) segrete

Dopo circa tre anni dalla condanna dell'Antitrust europeo contro quattro tra le principali banche del Vecchio continente, finalmente è stato reso pubblico il testo della sentenza che interessa almeno 2,5 milioni di italiani con un mutuo a tasso variabile legato al valore dell'Euribor.

All'epoca l'Antitrust aveva scoperto un cartello tra i grandi gruppi bancari che riusciva a manipolare l'andamento del tasso di interesse che fa da riferimento a diversi prodotti finanziari, compresi i mutui. Un mercato da 400 mila miliardi di euro.

Come ricorda il Giornale, l'Euribor viene calcolato quotidianamente con un sondaggio telefonico tra 44 grandi istituti di credito, che comunicano il tasso di interesse applicato sui prestiti. L'inchiesta ha scoperto che tra il 2005 e il 2008 esisteva un accordo per manipolare il tasso secondo la propria convenienza.

Il testo è diventato pubblico, con qualche passaggio ancora censurato, anche grazie all'insistenza di un avvocato di Sassari, Andrea Sorgentone dell'associazione Sos Utenti. Grazie a lui è stato più evidente come il tasso alterato venisse applicato anche dalle banche italiane per i mutui variabili dei propri clienti. E ora potrebbero ritrovarsi a pagare il conto per i trucchetti usati dai colleghi delle banche tedesche, francesi e inglesi. L'avvocato punta a uno tsunami di ricorsi per ottenere adeguati risarcimenti: "Secondo le stime più attendibili, i mutuatari italiani hanno pagato interessi per 30 miliardi di euro, di cui 16 indebitamente intascati dalle banche". La sentenza emessa a livello europeo è vincolante per la giustizia italiana: "Ora i giudici - ha aggiunto - devono solo quantificare gli interessi che vanno restituiti in ogni rapporto mutuo, leasing, apertura di credito a tasso variabile che ha avuto corso dal 1 settembre 2005 al 31 marzo 2009".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog