Cerca

La risposta dell'Isola

Cipro, il Parlamento boccia il prelievo forzoso

Cipro, il Parlamento boccia il prelievo forzoso

Cipro tira uno schiaffo ad Angela Merkel. Il parlamento cipriota ha votato "no" al piano di salvataggio proprosto dall'Ue che prevedeva il prelievo forzoso dai conti correnti delle banche isolane. Il provvedimento non è passato con 39 voti contrari, quelli dell'opposizione e del partito di minoranza di governo Diko, e 19 astensioni del partito Disy del presidente Nicos Anastasiades. Yiannakis Omiru, il presidente di Cipro, ha definito un "ricatto" il piano di Bruxelles. Il messaggio è chiaro. L'isola non vuole una "razzia" sui suoi risparmi. Il piano prevedeva l'esenzione per i depositi bancari fino a 20.000 euro, fissando al 6,75% la tassazione per i conti tra 20.000 e 100.000 euro e mantienendo al 9,9% quella sui depositi oltre i 100.000 euro. Intanto in Germania si preparano al peggio. E alzano la posta. Dal governo tedesco fanno sapere che "finchè il parlamento non avrà deciso non ci sarà alcun programma di aiuto". 

Pericolo scampato? - Cipro risponde al fuoco tedesco, e la Merkel minaccia l'isola. Che ora trema. La Cancelliera chiede a Nicosia un ridimensionamento delle banche per garantire la solvibilità di Cipro. Sull'isola intanto regna il caos. Le banche restano chiuse per evitare la corsa allo sportello e i ciprioti assediano il parlamento e la piazza. Nonostante il voto il ministro delle Finanze, Michails Sarris resta al suo posto. Niente dimissioni. E per garantire gli stipendi dei militari britannici presenti sull'isola, la Raf manda un aereo con i soldi per aggirare il blocco delle banche. Insomma il pericolo di vedere una mano europea pronta a prendere una fetta dei conti correnti a quanto pare è scongiurato. Anche il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi ha definito "un pericoloso precedente" il prelievo forzato sui conti. Così per questa sera Cipro fa festa, ma dovrà fare i conti con nuovi provvedimenti che scongiurino il default. Quando le banche riapriranno è stimato un prelievo del 10 per cento dei depositi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    21 Marzo 2013 - 15:03

    Non sono gli stati membri a dover uscire dall'Europa ma L'europa deve estromettere la Germania. La Germania che ha cambiato il marco al prezzo dell'euro vive da oltre 10 anni con i soldi dell'Europa via spread. Quindi sta conducendo una terza guerra con le armi della economia. Di questo passo la vincerà ma chiunque nelle stesse condizioni la vincerebbe.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    20 Marzo 2013 - 16:04

    bisognava darle anche un bel calcio in culo a sta testa di ....

    Report

    Rispondi

  • aifide

    20 Marzo 2013 - 13:01

    Ammirevole la dignità con la quale i ciprioti hanno difeso la propria sovranità economiche dalle grinfie della vil razza dannata della Merkel. La seconda guerra mondiale non è servita da vaccino antitedesco agli europei che ora si ritrovano nuovamente inguaiati dalle assurde pretese di neonazisti che prenderebbero una patrimoniale dl 15% sui nostri conti correnti. Nessuno dei nostri governanti né dei neoeletti ha detto una parola per risvegliare l'orgoglio e la dignità nazionale? Siamo dunque schiavi della Merkel e del Bildeburg? E' necessaria un'altra guerra per far capire agli europei che è nel DNA dei tedeschi quella sedicente supremazia della razza germanica che non li ha mai abbandonati? La Merkel, come Hitler, è stata democraticamente eletta ed è quindi l'espressione della volontà della maggioranza dei tedeschi.

    Report

    Rispondi

  • Angela70

    20 Marzo 2013 - 10:10

    ammiro i governanti di Cipro, qui da noi il giorno dopo avrebbero gia' decurtato il 50% dei depositi bancari. Certo, noi non sappiamo dire no alla Germania!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog