Cerca

Opel, Magna verso la rinuncia

Fiat: non si può rischiare di più

Opel, Magna verso la rinuncia
Magna è in pole position ma -a sentire la Build- potrebbe gettare la spugna. Fiat non parteciperà al vertice di oggi, ed è offesa. Marchionne dice che all'azienda interessa proprio tanto Opel, ma non si può rischiare più di tanto per ottenerla. «Fiat ha deciso di non partecipare alle riunioni che il Governo Tedesco sta cercando di organizzare a Berlino per oggi, venerdì 29 maggio, e che hanno come unico argomento all'ordine del giorno il supporto finanziario di urgenza ad Opel. La casa rimane disponibile ed impegnata a continuare le discussioni con tutte le parti interessate in modo da trovare una soluzione stabile e duratura per le attività industriali del gruppo Opel». Con queste parole il Lingotto annuncia di non partecipare all'incontro previsto alla cancelleria. Ed è una nota che fa pensare a un ritiro dalla gara.

Alle due di oggi pomeriggio scadrà il termine per presentare le offerte d'acquisizione di Opel. In pole position per compiere l'operazione sarebbe il gruppo austro-canadese Magna, stando a quanto ha rivelato alla stampa il ministro del Lavoro tedesco, Olaf Scholz (Spd), al quotidiano Berliner Zeitung. Secondo indiscrezioni, GM preferirebbe non vendere a un concorrente forte come sarebbe la Fiat. La Magna ha «la pole position» nella gara all'acquisto della Opel, ha detto il ministro quando mancano poche ore all'inizio - questo pomeriggio - della nuova tornata di trattative in cancelleria. La «Magna capisce qualcosa delle attività auto», ha aggiunto, sottolineando, secondo quanto riporta il giornale, che il gruppo ha le idee chiare sulla politica finanziaria ed è pronto ad un accordo in qualsiasi momento. Le parti si incontreranno oggi pomeriggio a Berlino per un nuovo vertice sul futuro della casa automobilistica tedesca dopo il super-vertice fiume di ieri, in cancelleria a Berlino, che si è concluso con un nulla di fatto.

 "Rimaniamo impegnati - continua Sergio Marchionne - a cercare di trovare modi per venire incontro alle richieste di General Motors e del Governo Tedesco ma l'emergenza della situazione non può forzare Fiat ad assumere rischi del tutto inusuali. Abbiamo già offerto di apportare le nostre attività automobilistiche senza debiti, in modo da conferire al nuovo Gruppo non solo una base patrimoniale solida ed assolutamente necessaria, ma anche i flussi di cassa derivanti da queste nostre attività che avrebbero aiutato a stabilizzare la situazione finanziaria del nuovo Gruppo durante la fase transitoria e nel successivo processo di integrazione. Di più non ci può essere richiesto".

E sull'affare Fiat-Opel interviene anche il presidente diConfindustria Emma Marcegaglia
"Se prevarranno logiche elettorali o di altro tipo, non potremo farci niente": l'ha detto la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, in merito al tentativo di Fiat di scalare la tedesca Opel. La Marcegaglia ha parlato a margine dell'assemblea di Bankitalia, sostenendo che la proposta Fiat "e' intelligente, con un piano industriale vero e buono a medio termine".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    01 Giugno 2009 - 08:08

    LA Fabbrica Italiana Automobili Torino,è la più vecchia e la migliore Industria Meccanica d'Europa e del Mondo;le sue maestranze sono trà le migliori esistenti,vedi,Alfa Romeo,Lancia e Ferrari,tutto brodo dei tecnici e disegnatori esistenti della FIAT. Allora,mi piacerebbe parlare con qualche alto dirigente della nostra Industria per dirgli:hanno mai pensato ad un rinnovamento dell'attuale parco macchine compreso anche Autobus e Pulman esistenti nel nostro territorio ?- Hanno mai pensato anche ad un rinnovamento di tutte quelle vecchie carrozze delle metropolitane e dei Trams ?- Gli è mai venuto in mente di incominciare a trattare con le Province dell'attuale Russia per costruire di concerto autotrasporti e autovetture per quei territori ? - Cari Dirigenti della FIAT noi non siamo un popolo che non ha voglia di lavorare e và in cerca di fastidi,noi siamo un popolo amato ed invidiato per le grandi capacità mentali e di tecnica produttica che ha sempre fatto bella figura in Patria e all'estero.Bisogna avere coraggio e gestire l'Azienda con maggiore amore e sensibilità verso tutte le maestranze e cointeressarle in un grandissimo progetto che dovrebbe chiamarsi RINASCITA ITALIA FIAT. Casri saluti.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    29 Maggio 2009 - 10:10

    Io prima di parteggiare o meno per la multinazionale Fiat,vorrei capire che vantaggi ne avrebbe l'Italia,e di riflesso noi Italiani.Sarò duro di comprendonio,ma non lo ho ancora capito,nè alcuno che io sappia ha finora tentato di farlo.Saluti.

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    29 Maggio 2009 - 10:10

    Ma questo ministro del Lavoro tedesco, Olaf Scholz (Spd)non sarà mica amico d'infanzia di Martin Schulz (il "kapò" di buona memoria ? )Appartiene allo stesso partito...E poi, la GM non se la sarà legata al dito la storia dell'indennizzo record che aveva dovuto elargire alla nostrana Fiat quando GM era la seconda produttrice d'auto mondiale ?

    Report

    Rispondi

  • enricosecondo

    29 Maggio 2009 - 09:09

    Se la tangano stretta la loro Opel, capisco se sul piatto ci fosse Volkswagen, BMW o Mercedes, ma non sarà una grossa perdita. Fare modelli come li fa la Opel lo sanno fare decine di altre case ci potranno essere allenaze migliori con più appeal. Il problema è che i tedeschi non si fidano degli italiani e li capisco perfettamente, non è colpa loro è soltanto colpa nostra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog