Cerca

Crisi nera

Cipro, arriva il diktat della Bce:
"Liquidità alle banche fino a lunedì"

6
Cipro, arriva il diktat della Bce:
"Liquidità alle banche fino a lunedì"

Il rischio della bancarotta è sempre più dietro l'angolo. Cipro rischia un default preoccupante. Con le banche chiuse fino a lunedì a Nicosia scatta il panico. L'isola è stretta in una morsa asfissiante. La Bce è stata chiara: liquidità di emergenza agli istituti bancari fino a lunedì. Poi si chiuderanno i rubinetti. Secondo la Banca Centrale Europea, "l’attuale livello dell’Ela (Emergency Liquidity Assistence), l’assistenza di liquidità di emergenza, potrebbe essere riconsiderata soltanto in presenza di un programma dell’Unione europea e della Fmi che assicuri la solvibilità delle banche in difficoltà". Il governo cipriota e il parlamento non hanno varato un piano di salvataggio alternativo a quello proposto dall'Ue. "Il rischio sistemico" secondo la Bce è un pericolo da scongiurare.  "L' Eurogruppo aspetta una nuova proposta da Cipro ed è pronto a discuterla con le autorità", ha affermato presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. La situazione è precipitata dopo il voto negativo del parlamento per il piano Ue che prevedeva il prelievo forzoso del 10 per cento sui depositi e sui conti correnti. Intanto Cipro continua a trattare anche con la Russia. "I piani futuri per risolvere la questione di Cipro dovrebbero essere valutati dall’Eurogruppo con la partecipazione di tutte le parti interessate, compresa la Russia", ha ammonito il primo ministro russo Dmitry Medvedev. Secondo Medvedev la proposta dell'unione Europea è "assurda". 

 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldogam

    23 Marzo 2013 - 14:02

    Le banche tedesche e francesi avevano in corpo molti miliardi di bot italiani, quindi, prima di lasciarci al nostro destino, volevano liberarsene. Ecco allora la pioggia di tasse ed imposte che, l'esecutore Monti, ha puntualmente applicato, fottendosene della profonda crisi economica che ha causato. Ma questo non bastava, quindi la BCE è stata invitata a stampare euro ed a elargire miliardi alle banche, circa trecento alle nostre. Di questi euro nessuno è stato immesso nel sistema economico, bensì sono stati usati per riacquistare dalle banche tedesche e francesi miliardi di nostri btp. La stessa operazione ora, Merkel & C, vogliono fare con Cipro, poi abbandoneranno l'isola al suo destino. Quanto a noi, non è certo che non vogliano farci ricomprare tutti nostri btp ancora in loro possesso, per cui la via del prelievo (furto) dai nostri C/c non è esclusa, anzi...

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    22 Marzo 2013 - 18:06

    Se ho ben capito, si vuole effettuare un prelievo forzoso dai c/c e depositi ciprioti del 10%. Ma questi mld di euro a cosa devono servire? Se devono costituire solo un fondo di garanzia per ottenere ulteriori aiuti internazionali, perchè prelevarli dai conti e non, invece, solo bloccarli nei vari conti con una clausola di indisponibilità temporanea a zero tasso d'interesse? E,una volta risolti i problemi economici e finanziari, operare lo sblocco dei depositi abolendo la clausola di indisponibilità?

    Report

    Rispondi

  • Angela70

    22 Marzo 2013 - 16:04

    spero che Russia intervenga e grazie a Cipro salvi tutti noi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media