Cerca

Economia in rosso

Bankitalia avverte: "Ripresa ritardata
dall'incertezza politica in corso"

Il vicedirettore generale Panetta lancia l'allarme: "Pil ai minimi storici: -7%"

La sede di Bankitalia

La sede di Bankitalia

La ripresa dell'economia italiana è minacciata dall'incertezza politica. Ne è convinto il vicedirettore generale della Banca d’Italia, Fabio Panetta, che in occasione di un seminario dell’Associazione per lo sviluppo degli studi di Banca e Borsa in corso a Perugia ha fornito i dati della perdita di produttività del Paese. "Dall’avvio della crisi, il Pil è sceso di 7 punti percentuali, il numero di occupati di 600.000 unità", ha detto Panetta sottolineando che "l'economia italiana sta attraversando una fase di profonda difficoltà, in cui le debolezze strutturali sono acuite dallo sfavorevole momento congiunturale. Nell’arco di un quinquennio essa ha dovuto far fronte alla crisi finanziaria, all’instabilità del mercato del debito sovrano, a due profonde recessioni".

Il vice direttore di Bankitalia ritiene inoltre che la ripresa appare ancora lontana. "Nelle ultime settimane sono riaffiorate incertezze circa l’evoluzione dell’economia italiana. La ripresa, pur moderata, prevista per la parte finale dell’anno, è minacciata dalla imprevedibilità del quadro politico interno e dal   riemergere di turbolenze finanziarie nell’area dell’euro, che potrebbero incidere sulla fiducia degli operatori e sull'attività di investimento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariomassioli

    23 Marzo 2013 - 15:03

    come sarebbe istruttivo per l'italia un faccia a faccia in prima serata su rai uno tra qli economisti della ME-MMT e qualsiasi gruppo di economisti italiani. purtroppo non la vedremo mai questa trasmissione. Il popolo non deve conoscere il perchè dell'attuale disastro. NON ABBIAMO PIù LA S O V R A N I T A monetaria, il denaro dobbiamo andare a prenderlo in prestito dai mercati finanziari più interessi. pensate uno stato sovrano stampa il proprio denaro a costo Z E R O.

    Report

    Rispondi

  • mariomassioli

    23 Marzo 2013 - 15:03

    come sarebbe istruttivo per l'italia un faccia a faccia in prima serata su rai uno tra qli economisti della ME-MMT e qualsiasi gruppo di economisti italiani. purtroppo non la vedremo mai questa trasmissione. Il popolo non deve conoscere il perchè dell'attuale disastro. NON ABBIAMO PIù LA S O V R A N I T A monetaria, il denaro dobbiamo andare a prenderlo in prestito dai mercati finanziari più interessi. pensate uno stato sovrano stampa il proprio denaro a costo Z E R O.

    Report

    Rispondi

  • hilander

    23 Marzo 2013 - 15:03

    Si comporta come se tutto in italia andasse più o meno bene.

    Report

    Rispondi

blog