Cerca

Italiani spremuti

Fisco, estate di fuoco: in due mesi scadenze di Imu, Irpef e Tares, tasse per 31,8 miliardi

Studio di Cgil, Cisl e Uil: tra giugno e luglio sarà una mazzata, con l'aggiunta dell'aumento Iva. Cgia: 25mila euro da pagare per ogni piccola impresa

Fisco, estate di fuoco: in due mesi scadenze di Imu, Irpef e Tares, tasse per 31,8 miliardi

Sarà l'estate delle tasse. Secondo uno studio dei sindacati Cgil, Cisl e Uil tra giugno e luglio gli italiani potrebbero arrivare a pagare qualcosa come 31,8 miliardi di euro a causa delle scadenze, tutte concomitanti, di Imu, Tares e Irpef. Una mazzata che, oltre a mettere in dubbio le vacanze dei contribuenti, rischia di dare un altro colpo di grazia alle speranze di ripresa dei consumi. Il calcolo dei sindacati è presto fatto: lo Stato dovrebbe incassare 11,6 miliardi di acconto Imu, 14,4 miliardi di saldo Irpef, 4 per quello della Tares (la nuova tassa sui rifiuti da pagare in due rate anzichè quattro o sei). E, naturalmente, l'aumento dell'Iva di un punto già previsto per l'Iva, che dovrebbe fruttare alle casse pubbliche 1,8 miliardi. Particolarmente colpiti dal Fisco, come accade da un paio d'anni a questa parte i piccoli imprenditori e i lavoratori autonomi: secondo la Cgia di Mestre queste categorie saranno costrette ad affrontare un vero e proprio "stress test" contributivo, perché alle tasse sopracitate si aggiungeranno le scadenze dell'Inps, la tassa annuale di iscrizione alla Camera di commercio e l'autoliquidazione Irpef (saldo 2012 più acconto 2013): totale, 25.700 euro circa per ogni impresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bombadil

    25 Marzo 2013 - 07:07

    Anche questi soldini finiranno nelle tasche di questi fancazzisti statali.pero' ci sono buone notizie:sento da SKY,la troika salverà' Cipro,prima però prelievo(furto )sui c/c della gente che la mattina va a lavorare,e udite udite Tokyo(punto di riferimento dei mercati asiatici)e' positiva quindi si potrà attaccare lo spred a 300 punti....sic!!e intanto viviamo nel caos più' totale.fanculo anche all'informazione.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    25 Marzo 2013 - 06:06

    Mi volete spiegare dove vanno tutti questi soldi? Che cosa ne fanno degli introiti ricavati dalle tasse sui carburanti, gas, luce Iva ed altre 1000 imposte???

    Report

    Rispondi

  • blu521

    24 Marzo 2013 - 18:06

    Coraggio bananas il peggio deve ancora venire!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    24 Marzo 2013 - 15:03

    Non sarà il nome Renzi, e forse il nome Grillo, a fare il miracolo, ma dietro i nomi c'è la Sostanza del pensiero E c'è la Determinazione di CANCELLARE tutti i maledetti vecchi che da 30 anni ci opprimono. Per fortuna le corde, alla fine, si SPEZZANO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog