Cerca

Verso l'ok

Debiti P.a., sbloccato il pagamento alle imprese. Addizionale Irpef a rischio aumento già dal 2013

Debiti P.a., sbloccato il pagamento alle imprese. Addizionale Irpef a rischio aumento già dal 2013

di Claudio Brigliadori

La coperta italiana è corta, cortissima. Così, per pagare i debiti della Pubblica amministrazione con le imprese, che insieme alla crisi stanno mettendo in ginocchio le aziende, il governo sta pensando ad una misura boomerang: permettere alle Regioni di anticipare già al 2013 l'aumento dell'aliquota addizionale Irpef. Vale a dire: più tasse per i contribuenti. E' lo scherzetto che potrebbe approvare il governo Monti, uno degli ultimi regali dei professori. Per ora, il Ministero dell'Economia smentisce e precisa che il "tesoretto" per le imprese verrà rimediato attraverso l'emissione di titoli di Stato e tagli lineari alle spese dei ministeri. Bot e spending review, da soli, però non basteranno: Pier Paolo Baretta (Pd) fa sapere che per far slittare la Tares e bloccare l'aumento dell'Iva dal 21 al 22% serviranno 7-7,5 miliardi di euro, volati via con le attuali misure per pagare i debiti con le imprese. Coperta cortissima, appunto. Tanto che nonostante le smentite l'imbarazzo e le difficoltà per il governo sono enormi: l'approdo sul tavolo del Consiglio dei ministri del decreto per il pagamento dei debiti della Pa, previsto inizialmente per mercoledì mattina, è slittato al pomeriggio alle 19. Segno che le difficoltà a trovare i soldi ci sono eccome. 


Via libera dal Parlamento - Il decreto aveva ottenuto ieri, martedì 2 aprile, il via libera di Camera e Senato e la riforma dell'articolo 81 della Costituzione, che vincola il governo a chiedere l'ok del Parlamento nel caso si debba deviare (temporaneamente, e per motivi eccezionali come una recessione) dal pareggio di bilancio strutturale. Nel "pacchetto" c'è anche il "tesoretto" di 20 miliardi di euro di crediti da liquidare alle imprese nel 2013 e altri 20 nel 2014. Di questi complessivi 40 miliardi, 14 andranno alle aziende creditrici del settore sanitario. Il testo parla di "emissioni di titoli di Stato" per rimediare quel gruzzolo. Ma la bozza, anticipata ieri da TMNews e rilanciata dal Sole24Ore.it, scende nel dettaglio.

Dal patto di stabilità all'Irpef - Innanzitutto, i rimborsi dovranno andare prima alle imprese (secondo criterio cronologico, dai crediti più vecchi ad oggi) e poi alle banche. Il patto di stabilità, grande vincolo nella gestione dei fondi dei singoli enti locali, potrà subire allentamenti (per un totale di 5 miliardi) per consentire una liquidità immediata a Regioni, Province e Comuni nei confronti delle imprese creditrici. Dovrà poi venire istituito un Fondo speciale per assicurare pagamenti "certi, liquidi ed esibigili" da parte degli enti locali con poche risorse in cassa. Tutte le amministrazioni pubbliche avranno poi l'obbligo di registrarsi sulla piattaforma elettronica del Tesoro che gestisce online il rilascio delle certificazioni. Se non lo faranno entro 20 giorni dall'entrata in vigore del decreto, i dirigenti locali dovranno pagare 100 euro di multa per ogni giorno di ritardo. Ma come detto la prima bozza prevedeva anche una cattiva notizia per i contribuenti, perché per trovare fondi lo Stato era disposto a garantire alle Regioni che utilizzano l'anticipo di cassa l'aumento già dal 2013 dell'aliquota addizionale Irpef.

La smentita di Grilli - In tarda serata il ministro dell'Economia Vittorio Grilli ha gettato acqua sul fuoco, smentendo la misura sull'Irpef e chiarendo un punto cruciale sul rapporto deficit-Pil. "ll governo varerà le misure per lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione "in tempi brevissimi", ha fatto sapere il ministro, e l'obiettivo è che il limite di indebitamento al 2,9% "venga salvaguardato" perché la soglia del 3% "è invalicabile". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • noinciucio

    03 Aprile 2013 - 15:03

    e meno male che costui è rettore dell'Università Bocconi!!!!! Poveri studenti!!!!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Aprile 2013 - 13:01

    Con questo "purtroppo" definisco gli italiani. Basta guardare la televisione ed ogni canale ha il suo programma con i professori esperti di economia, di politica. Tutti parlano, sentenziano e dicono una caterva di "cazzate". Ma passare dalle parole ai fatti e concretizzare quello che si dice che ci vuole? Monti aumenta le tasse per pagare i buchi fatti dai nostri esimi politici e perchè non leggiamo,Monti recupera i soldi dai politici e paga le imprese ?

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    03 Aprile 2013 - 13:01

    Quando qualcuno ha bisogno di una merce o di un servizio, fa un ordine. Quando la merce è consegnata o il servizio compiuto, di regola avviene il pagamento come normale prassi. Se questo non avviene, si può ricorrere a un tribunale che imporrà il pagamento o decreterà sequestri o fallimenti. Ora vediamo che lo stato o le sue diramazioni fanno ordini e…. non pagano nei tempi previsti. Nessuno interviene per imporre i pagamenti e oggi vediamo che addirittura per pagare serve un assenso delle camere e un decreto del governo! Mi sembra che chi ha eseguito gli ordini e non è stato pagato deve però versare regolarmente tasse e imposte! Come ultima osservazione vedo che per pagare il dovuto si tassano per una seconda volta i contribuenti! Chiedo umilmente perché chi ha fatto l’ordine e l’ha firmato, senza avere i soldi per pagare, non è perseguito e condannato a pagare di tasca sua! Confesso che non sono un professore e che non ho fatto la Bocconi. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • Vigar

    03 Aprile 2013 - 12:12

    Concordo con "cicillo", è proprio così. Che siate stramaledetti!!!! Purtroppo ormai è troppo tardi. Adesso pagheremo con l'aumento dell'irpef i debiti della P.A. Sbrighiamoci a dare la buonuscita ai trombati.Ma esentasse mi raccomando!.....che schifo che mi fate!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog