Cerca

Un governo di dilettanti

Debiti Pa, decreto rinviato
Nel Pdl la rabbia di Alfano:
"Monti sa soltanto tassare"

Rinviata la legge per sbloccare i pagamenti alle imprese. Salta l'aumento Irpef anticipato. La Tares si pagherà soltanto da dicembre

Debiti Pa, decreto rinviato
Nel Pdl la rabbia di Alfano:
"Monti sa soltanto tassare"

"Problemi di copertura" al decreto legge sui debiti della Pubblica amministrazione. Per questo motivo è slittato "ai prossimi giorni" il consiglio dei ministri che avrebbe dovuto dare il via libera definitivo alla bozza già approvata dal Parlamento martedì pomeriggio. Il Cdm era per la verità già stato programmato per questa mattina, 3 aprile, e quindi rinviato alle 19. Ma un intero giorno di studio, evidentemente, al premier in prorogatio Mario Monti e ai professori non basta. Il perché è presto detto: nella bozza era previsto l'aumento dell'addizionale Irpef per le Regioni. Di fatto, i propri debiti con le imprese lo Stato l'avrebbe fatto pagare a tutti i contribuenti italiani. Di fronte alle proteste dei gruppi parlamentari, l'esecutivo per bocca del ministro dell'Economia Vittorio Grilli ha fatto precipitosa marcia indietro. Ma ormai il danno era fatto: d'immagine, e di cassa. La coperta, dicevamo già martedì, è cortissima: per blocare l'aumento dell'Iva dal 21 al 22% e far slittare la Tares servirebbero 7,5 miliardi di euro. Troppi, considerati i 40 che verrebbero sbloccati tra 2013 e 2014 per gli enti locali. Monti ha avuto una telefonata di oltre un'ora con il commissario europeo per l'Economia Olli Rehn. Logico pensare che abbiano parlato del limite sul deficit al 3% del Pil, ribadito ancora una volta dall'Unione europea.

Grilli: "Niente nuove tasse" - In serata ha cercato di gettare un po' di acqua sul fuoco delle polemiche il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, che in collegamento con la trasmissione Porta a Porta ha ribadito che non ci sarà nessun aumento delle tasse per il decreto legge sui pagamenti dei debiti della Pa alle imprese. "Il problema di un eventuale aumento delle imposte - ha dichiarato - non esiste. Il decreto legge non comporterà nuovi aumenti delle imposte per finanziare i pagamenti alle imprese", infatti "non abbiamo bisogno di coperture o soldi perché paghiamo spese già fatte".

Alfano: "Sanno solo tassare" - Chi invece non abbassa i toni e picchia duro per l'ultima figuraccia di governo, è il segretario del Pdl, Angelino Alfano: "Il governo ha rinviato il provvedimento per il pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese, dimostrando così la legittimità del nostro sospetto, e cioè che si volevano onorare i debiti caricandoli sui cittadini con l'ennesimo inasprimento della leva fiscale". Secondo Alfano "le uniche soluzioni che il governo riesce a immaginare sono nuove forme di tassazione o aumenti ingiustificabili a carico degli italiani".  

Il nodo Tares - Dopo che l'ipotesi di un anticipo dell'aumento dell'addizionale regionale Irpef è definitivamente tramontata, i tecnici del Tesoro hanno evidenziato la necessità di "approfondimenti" e di aver maggior tempo a disposizione per trovare alternative fonti di finanziamento alla restituzione dei debiti nei confronti delle imprese. Si è valutata anche la possibilità di inserire nel decreto anche altre misure, come quella del rinvio della Tares, che però costerebbe oltre 1 miliardo (in serata è arrivata la conferma: slitta a dicembre la sovrattassa sui rifiuti, e la Tares inizierà dal prossimo maggio). 

"La copertura c'è" - Per tutti questi dubbi, ecco la necessità del rinvio dell'esame da parte del Consiglio dei Ministri. Il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo, però, si dice ottimista: "La copertura c'è - spiega intervistato da Tgcom24 - ed è garantita dall'innalzamento al 2,9% del rapporto deficit-Pil (il limite consentito dall'Unione europea è del 3%, da qui la preoccupazione di Rehn, ndr), e con quei soldi riusciremo a coprire le quote d'interesse sulle prossime emissioni di titoli di Stato nonchè le deroghe al vincolo del patto di stabilità". E proprio sul patto di stabilità è intervenuto il sindaco di Roma Gianni Alemanno, ricevuto a Palazzo Chigi insieme all'Anci: "Con le deroghe i Comuni avranno a disposizione 7 miliardi di euro per pagare le imprese creditrici. Inoltre abbiamo chiesto l'esonero dal pagare l'Imu sulle case popolari di proprietà dei Comuni".  

Critiche unanimi - E mentre Matteo Renzi chiede di "fare presto", perché le imprese non ce la fanno più, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi aspetta "un segnale forte per poter pensare a una ripartenza dell'economia reale del Paese": "C'è un senso di disperazione che sta affliggendo tanti imprenditori". Anche i sindacati hanno bocciato l'aumento anticipato dell'Irpef. Per la leader della Cgil Susanna Camusso, "non si può parlare di addizionale Irpef, bisogna trovare una soluzione per i pagamenti per la pubblica amministrazione che guardi principalmente al lavoro perché non tutti i crediti sono uguali". "La situazione dell'economia e del lavoro nel nostro Paese è assolutamente drammatica - afferma -. Chiunque pensi che si possa agire ulteriormente sull'aumento della tassazione, pensa una follia". Per il numero uno della Uil Luigi Angeletti, anticipare di un anno al 2013 l'aumento dell'addizionale "sarebbe un'idea sciagurata" e "francamente inaccettabile". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SGis

    10 Aprile 2013 - 15:03

    A questo punto la vergogna non è più Monti ma siamo NOI CHE CI DOBBIAMO VERGOGNARE nel permettere che personaggi come questo maggiordomo di banche siano ancora al loro posto. Non abbiamo più il coraggio di scendere in piazza, anche armati, ed arrestare chi ci ha ridotti in questo modo per aver procurata la banca rotta di uno stato. E stiamo ancora a parlare? E' finito il tempo... o facciamo le pecore o La RIVOLUZIONE contro questi parassiti... non c'è altra soluzione.

    Report

    Rispondi

  • carloaristide

    06 Aprile 2013 - 12:12

    Le ali della vergogna italiana.Hanno commesso dei delitti di coscienza. Se è vero che DIO esiste.....

    Report

    Rispondi

  • fulgenzio

    04 Aprile 2013 - 07:07

    Che cosa ci si poteva aspettare da Monti?

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    04 Aprile 2013 - 06:06

    La mala politica o meglio la gestione dei costi se gli enti locali le regioni il parlamento centrale continua a fregarsene e continuare a mangiare anzi a vivere da milionari perché sapete con 12 15 mila euro al mese chi non li ha mai guadagnati si sente milionario e si gode la vita e se ne frega del popolo che li ha eletti. Così mettono le tasse alte per riparare i loro errori fanno lavorare solo gli amici degli amici e gli altri chiudono. Alla fine i conti non tornano la Soluzione? IMMETTERE TITOLI DI STATO PER PAGARE GLI STATALI Così si va in mano alla goldman sachs che presta questi soldi e che poi giustamente alla scadenza li rivuole Ma cosa succede alla scadenza? I soldi non ci sono più nemmeno il capitale e allora? Tasse tasse tasse a chi rimane sul campo con la conseguenza della moria di aziende perché Gerit voluta da Tremonti Equitalia VISCO TREMONTI MONTI FA gioco falsano il bilancio dicendo agli investitori vedi dobbiamo riscuotere questi soldi "FITTIZI" aspettate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog