Cerca

Decreto

Monti, approvato il decreto per il pagamento dei debiti della Pa verso le imprese

Verranno rimborsati 40 miliardi in 12 mesi su un totale che oscilla tra i 90 e i 130 miliardi

Mario Monti dopo il consiglio dei ministri

 

 Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto che prevede di sbloccare 40 miliardi nei prossimi 12 mesi. Un boccata d'ossigeno per le imprese. Peccato che il debito complessivo della pubblica amministrazione verso le imprese, secondo il calcoli della Cgia di Mestre  può arrivare fino a 130 miliardi se si calcolano anche le piccole imrpese. Qello dei debiti della PA è "un caso molto emblematico di come, mentre si facevano più stretti i vincoli di obbligo disciplina, le amministrazioni avevano invece risposto con forme che hanno scaricato gli oneri sul futuro e le imprese e i cittadini". Mario Monti lo sottolinea al termine del Consiglio dei ministri.  "E' arrivato il momento di voltare pagina", aggiunge Monti e precisa: .

Il dettaglio - Il decreto, ha detto ancora Monti, prevede di sbloccare "40 miliardi nei prossimi 12 mesi con meccanismi chiari, semplici e veloci, senza oneri o complicazioni inutili". Monti polemicamente ha aggiunto: "Ho visto un' improvvisa voglia di tutti di pagare molto di più alle imprese, compresi coloro che le hanno soffocate in passato".  Il premier ha poi spiegato il pagamento della maggiorazione introdotta dalla Tares è stato rinviato all'ultima rata (quindi probabilmente a dicembre) e che c'è la "fondata aspettativa che a maggio l'Italia sarà dichiarata uscita dalla procedura  Ue per deficit eccessivo". La certificazione e il censimento dei debiti della Pubblica Amministrazione verrà fatto nell'ambito della prossima Finanziaria, ha detto successivamente il ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera, ricordando che il dl erogherà 40 miliardi, di cui 15 o 20 già ceduti e 3 o 4 che dovranno essere compensati, «poi tutto si chiuderà». Tra le modalità di pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione ci sarà infatti anche la «compensazione tra debiti e crediti. Abbiamo allargato la tipologia di crediti che potranno essere compensati: non solo i debiti passati a ruolo". 

Le altre misure - Il decreto prevede, tra le altre misure, anche la "compensazione tra debiti e crediti", come spiega il ministro allo Sviluppo economico: "Abbiamo allargato la tipologia di crediti che potranno essere compensati: non solo i debiti passati a ruolo". Ci saranno poi delle "emissioni ad hoc" alle banche che vantano un credito verso lo Stato acquisito dalle imprese. La certificazione e il censimento dei debiti verrà poi fatto "nell’ambito della prossima Finanziaria". "Le amministrazioni potranno cominciare a pagare i debiti subito dopo la pubblicazione del decreto, che immagino sarà lunedì", ha assicurato Vittorio Grilli, spiegando che entro il 30 aprile saranno resi noti "gli spazi finanziari" e entro il 15 maggio "la ripartizione delle risorse rispetto alle richieste". Entro fine maggio, poi, le amministrazioni pubbliche "dovranno comunicare ai propri fornitori il loro piano di pagamenti". Il piano seguirà delle priorità: "prima le imprese e dopo le banche, e prima i crediti più anziani. Si parte dala fatture più vecchie", ha precisato il ministro dell'Economia. Rinviata, inoltre, l'introduzione della Tares che sarà applicata probabilmente solo per calcolare l'ultima rata: "Per il 2013 resta in piedi il meccanismo della Tarsu per le prime due rate", spiega Antonio Catricalà, "Si pagherà quanto pagato l’anno scorso e non ci saranno sorprese. Il bollettino sarà inviato dalle amministrazioni. Sull’ ultima rata ci potrà essere un conguaglio"

"

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mbotawy'

    07 Aprile 2013 - 21:09

    Mario Monti & Tecnici, poi i Saggi, ed in fine i "papabili a presidente". Vedere i risultati, vedere per credere!

    Report

    Rispondi

  • moranma

    07 Aprile 2013 - 10:10

    e non lo sarò mai, ma criticare Monti per aver reso solo 40 su 120 miliardi di euro che lo stato deve rendere alle imprese, mi sembra alquanto ingeneroso, considerando che questo debito non lo ha certo provocato Monti, ma i governi precedenti e per essere più precisi i governi di centro destra che hanno governato 8 anni su 10 dell'era ante Monti. Inoltre in quei 8 anni nemmeno un centesimo è stato reso alle imprese, quindi la faccia tosta di Libero è pari alle menzogne che ogni giorno ci propina!

    Report

    Rispondi

  • seve

    07 Aprile 2013 - 09:09

    a parte l'inefficiente piedipiatti che non ha fatto nulla anche sul versante ristrutturazione a costo zero e spending rewuev ,ma anche l'Eurolandia con un problema al giorno ,dover per esempio spendere 45 miliardi per salvare Grecia e Portogallo ,mantenere un'armata di ladri annidata nella politica e nella pubblica amministrazione,affrontare icosti dell'elefantiaca e faraonica struttura Europea Bruxelles e Francoforte ecc pagare derivati perchè in fondo deve pur rispondere ai suoi datori di incarichi speciali ,Morgan ecc forse non ha proprio potuto fare di più se no ci avrebbe ammazzati.

    Report

    Rispondi

  • Rudik

    07 Aprile 2013 - 08:08

    Il piccolo domatore (Monti) s'è offeso, e con aria di disprezzo ha messo a disposizione deile aziende creditrici dello stato una cospicua somma ... ha detto si potrà pagare già da lunedì, ma non ha detto di quale mese. Ora quest'affermazione è palesemente insussistente! Com'è possibile che l'amministrazione paghi? Almeno dovrà essere pubblicato questo D.L , dovrà pur essere interpretato per capire chi dovrebbe pagare. Il debito ammonta a 130 ma loro parlano di 40.... Da quanto contestualmente affermato gli sghei non ci sono ancora, se ne riparla ameno a metà maggio! Questo Stato Ladrone, ha lasciato in mutande migliaia di aziende, e con loro molti ex-lavoratori, esodati, ecc. ecc. Intanto i soldi per i rimborsi elettorali ai partiti sono stati sempre regolarmente versati. Vi immaginate un segretario di partito (uno qualunque) quale casino avrebbe sollevato se il suo partito non avesse ricevuto i fondi? Vi immaginate un politico creditore dello stato?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog