Cerca

La bastonata

Squinzi: "Tempo scaduto, l'Italia non si riprende"

Il presidente di Confindustria affonda Monti per il decreto che ha sbloccato il pagamento dei debiti e attacca i politici

Giorgio Squinizi, leader di Confindustria

 La situazione di stallo nella politica italiana rende ancora più difficile la ripresa economica del Paese. Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a margine di una visita alla Fiera di Rho, ammette che stando così le cose "c'è il rischio di non agganciare la ripresa che ci sarà in Europa nella seconda parte dell’anno. Ed è un fatto piuttosto grave. C'è bisogno di uomini di buona volontà che si rendano conto che la situazione economica è drammatica". Il Presidente di Confindustria insiste sul fatto che "non c'è più tempo da perdere, come dice la pagina pubblicitaria che abbiamo pubblicato su tutti i giornali. Il tempo è scaduto". Squinzi poi quantifica il danno subito: "L'attuale assenza di un governo e l'allentamento dell'azione dell'esecutivo Monti nella seconda parte della sua esperienza  si può calcolare che abbia portato alla perdita di un punto percentuale di prodotto interno lordo, cioé a 1600 miliardi di euro''. Non ha dubbi Squinzi: ''Il calo dei consumi interni è dovuto al fatto che l'azione di governo è stata ultimamente concentra staoprattutto sul prelievo fiscale per rimettere in ordine i conti pubblici. Negli ultimi mesi non abbiamo visto alcun tipo di intervento a favore della crescita'' Quanto alla situazione italiana ''il governo Monti nella prima fase aveva spinto molto, ma gli ultimi provvedimenti sono stati tutti azzoppati''. Nel mirino di Confindustria c'è soprattutto la mancata approvazione della legge di riforma delle delega fiscale'', necessaria in un paese dove ''spesso e volentieri c'e' un abuso di prelievo fiscale''. In cima alle priorita' da adottate secondo Confindustria c'e' anche ''la semplificazioen normativo-burocratica'' del Paese.

 Rischio viloenza - A una domanda più precisa sul rischio per la   coesione sociale nel Paese, Squinzi ammette di essere "molto  preoccupato, perché la situazione è quella che sappiamo". Negli   ultimi mesi, sottolinea, "ci sono stati 62 casi di suicidi di   imprenditori. Il problema -prosegue- è generalizzato, si va dagli   imprenditori alle imprese che falliscono. La situazione  è  molto seria".

Mazzate a Monti -  Il decreto del Governo che ha sbloccato il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese non è esattamente quello che si aspettava il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi. Ci aspettavamo un pochino più di coraggio - ha spiegato - altrimenti il Paese continuerà ad essere in grande difficoltà". Una bacchettata pesantissima per Monti sul decreto che ha sbloccato il pagamento dei debiti per la pubblica amministrazione ma anche per i politici che in questo momento hanno in mano "il bandolo" della matassa. D'altronde proprio qualche settimana fa, sul Sole24Ore, il quotidiano di Confindustria c'era un appello del direttore Roberto Napoletano che urlava un "basta giochi", spronando la politica ad uscire dall'immobilismo. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    12 Aprile 2013 - 08:08

    E' giunta l'ora di prendere seriamente in mano la situazione italiana ora affidata ad una banda di NON politici ma ladri patentati incapaci della prima ora e fannulloni cronici. Sia il mondo dell'industria a prendere in mano la situazione per toglierci da guai ancora più seri e pericolosi. Mai più politicanti di mestiere che hanno distrutto l'Italia per il loro esclusivo avido tornaconto. Saranno chiamati a rispondere al popolo di tutte le malefatte e del maltolto.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    11 Aprile 2013 - 09:09

    A questa banda di delinquenti frega una minchia dell'Italia! Loro hanno tutto quello che vogliono...soldi, privilegi, pensioni d'oro...e gli altri che muoiano pure! Fate un esame di coscienza e domandatevi a quale di quei pezzenti schifosi avete dato il voto!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    11 Aprile 2013 - 07:07

    la crisi finisce nel 2023 coglioni svegliatevi ne Berlusconi grillo monti o Bersani possono fare nulla bisogna che le soluzioni non le deve dare la politica ma l'ingegno italico innovate innovate e fatevi ricchi branco di finocchi andate nelle università scegliete i migliori cervelli ed esportate le vostre innovazioni nel mercato più florido del mondo quello AMERICANO nonostante la crisi è sempre il miglio mercato. La politica può solo abbassare le tasse e sburocratizzare se non ha interessi personali Monti è un poveraccio messo lì per far quadrare i conti berlusconi ha degli idioti vicino il PD e grillo odiano il capitalismo ma non ne fanno a meno dell'opportunità che da il capitalismo ma sono contro perciò tassano. Ancora che aspettiamo la politica? Volete salvarvi come mi sto salvando io non guardate più talk show politici e telegiornali concentratevi sui vostri obbiettivi lavorate e i soldi vi arriveranno.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    10 Aprile 2013 - 14:02

    Si rimane davvero di stucco nel sentire l'appello del presidente della Confindustria che rimane inascoltato. Le cose vanno male e in Italia siamo a discettare sull'incontro tra Bersani e Berlusconi, sul solito Renzi che parla di rottamare e poi non è nemmeno eletto come delegato regionale e così via. Non parliamo poi della barzelletta della Bce che sostiene la tesi degli italiani più ricchi dei tedeschi. Davvero siamo alla presa in giro permanente. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog