Cerca

FalliMonti

Def: debito al 130%

Il consiglio dei ministri vara il documento economico: ecco tutti i dati

Mario Monti visto da Benny

 

Eccoli gli ultimi numeri del disastro Monti. Un fallimento totale da parte dell'uomo che avrebbe dovuto salvare l'Italia e che, invece, se possibile l'ha ulteriormente affossata. Il consiglio dei ministri ha varato il Documento di economica e finanza 2013 e i dati sono terrificanti. Ecco le principali stime. Il debito pubblico, soprattutto. Salirà al 130% sul Pil nel 2013, non è mai stato così alto. Poi dovrebbe scendere al 129% nel 2014 e poi passerà al 125,5% nel 2015. Il deficit si attesterà al 2,9% nel 2013 3 per arrivare all'1,8% nel 2014 e all'1,5% nel 2015, mentre l'avanzo primario sarà al 2,4% del Pil nel 2013 (al 3,8 nel 2014 e al 4,3 nel 2015). Ma Monti si difende "In materia di finanza pubblica la credibilità si acquista a caro prezzo, lentamente e si può perdere rapidamente: dopo la crisi del 2011 il risanamento del bilancio è avvenuto, il disavanzo è sotto il 3% ed è stato centrato l’obiettivo del bilancio in pareggio in termini strutturali". Lo dice Mario Monti, aggiungendo che "a maggio L'Italia speriamo esca dalla lista dei Paesi con problemi di finanza pubblica".  Una dichiarazione che arriva proprio nel giorno in cui la commissione europea dice che l'Italia contagi altri Paesi della zona euro

Faccia di bronzo - Ma Monti si pavoneggia, ancora crede che gli italiani si bevano le sue lezioncine e, in conferenza stampa, dice che il suo governo ha cominciato ad aggredire una crisi che "prima veniva negata".  Sostiene che senza il suo governo sarebbe andata anche peggio.   "Le ipotesi fatte nel def sono  molto caute. Il che significa che la crecita può essere più elevata di quella prudenzialmente indicata nel documento". E ancora: "Abbiamo ritenuto che non sarebbe stato istituzionalmente corretto che questo governo in carica per le pratiche correnti presentasse iniziative di vasto respiro. Questo è un documento ad assetto costante". Poi scarica la responsabilità sul governo che verrà (quando verrà?): "La direttrice del Def persegue l’obiettivo di "mantenere il pareggio di bilancio e rispettare gli obblighi sul debito pubblico. Sarà il nuovo governo a presentare un’agenda di riforme per il medio periodo, completando il Pnr e il programma di stabilità. Il Dpef è un work in progress, un contributo che noi crediamo sia particolarmente utile in una fase in cui i partiti si confrontano sui programmi". Indica la strada a chi verrà: "La strada per riprendere la crescita è quella delle riforme strutturali.Per avviare la crescita, noi- ha   detto- abbiamo avviato le riforme strutturali, non tutte perchè poi   c'è stato un prendere le distanze dei partiti in Parlamento”.

Gli altri numeri - Non solo debito pubbico e deficit nel documento si fa riferimento anche alla pressione sulla pressione fiscale, e anche qui i numeri non promettono niente di buono: al 44,4% del Pil nel 2013 (registrando uno 0,4% in più rispetto al 2012) per scendere nel 2014 al 44,3% e nel 2015 al 43,4%. Quanto al gettito Imu, complessivamente è prevista una entrata di 23,8 miliardi per ciascuno degli anni 2013 e 2014: 4 miliardi dall'abitazione principale e 19,8 dagli altri immobili per ciascun anno. Dal 2015 in poi il gettito dagli altri immobili (esclusa la prima casa) si dovrebbe attestare a quota 11,5 miliardi. Dal miglioramento dello spread sono previsti 7,7 miliardi di riduzione della spesa per interessi nel 2015; spesa per interessi che complessivamente sarà (rispetto al Pil) del 5,3% nel 2013, del 5,6% nel 2014 e del 5,8% nel 2015. La spesa pubblica totale (comprensiva della spesa per interessi) nel 2013 cresce dello 0,4% rispetto al 2012 raggiungendo il 51,1% del Pil (nel 2014 scende al 49,8% e nel 2015 al 49,4%). Cala la spesa per investimenti fissi: dall'1,9% del 2012 all'1,8% del 2013 e poi all'1,7% negli anni successivi. Dalle due fasi della spending review circa 30 miliardi di risparmi nel periodo 2012-2015.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • esattore

    11 Aprile 2013 - 11:11

    Non ne esistono. E' una concezione dell'economia ad essere entrata in crisi, non esiste la possibilità di una crescita economica all'infinito: ormai possediamo tutto, per sostenere la domanda hanno suscitato in noi bisogni di cose assurde ed anche dannose. I nostri figli non sono più in grado di giocare se non con qualche diavoleria elettronica che diventa superata nel giro di poco tempo, noi non siamo più in grado di acquistare un capo d'abbigliamento se non è firmato o reclamizzato perché ormai ci realizziamo per quanto possediamo e non per ciò che siamo: per questo un delinquente ricco è furbo ed un onesto povero uno stupido. A questa degenerazione morale e sociale non sono gli economisti che possono dare risposte ma ognuno le deve trovare dentro di sé. Occorre una rivoluzione spero pacifica che rimetta tutto in discussione. Siamo come la Roma di Diocleziano in cui si videro cittadini fuggire presso i barbari per sfuggire ad uno stato rapace ed ingiusto... corsi e ricorsi storici

    Report

    Rispondi

  • esattore

    11 Aprile 2013 - 10:10

    Ma che purtroppo non ci portano da nessuna parte. Mi riferisco alle mail che sono state pubblicate. Non che non siano considerazioni fondate, tutt'altro, ma il problema è che non tracciano in modo sufficientemente chiaro i futuri scenari di questo paese che sono i seguenti: Impossibilità dei cittadini di difendere i propri risparmi dalla speculazione e dal fisco rapace di un paese disperato. Disoccupazione alle stelle con conseguente incremento di raccomandazioni per i figli dei "ben introdotti" a discapito di tanti giovani capaci che resteranno al palo. Assoluta impossibilità per cinquantenni che perdono il lavoro di ricollocarsi e poter mantenere la propria famiglia. Ulteriore contrazione dei consumi che porterà chiusure a raffica di attività . E potrei continuare ancora. Possibile che questi coglioni non si rendano conto che quando ad ogni aumento d'imposta corrisponde un calo del gettito fiscale significa che è finita? Quando avranno rubato i nostri risparmi cos'altro inventeranno?

    Report

    Rispondi

  • carloaristide

    11 Aprile 2013 - 10:10

    E' rimasto solo con la sua presunzione,non è più nessuno anzi non è mai stato nessuno.

    Report

    Rispondi

  • charlie3

    11 Aprile 2013 - 07:07

    Falsi e bugiardi? Ma dove vivete, che cosa avrebbe salvato questo gran figlio di puttana? Se come dite eravamo sull'orlo del baratro ora ci siamo dentro completamente e qualcuno continua a credere alle balle che il signor Monti racconta!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog