Cerca

Il bilancio

Dolce e Gabbana chiudono un 2016 sfortunato: i dati

2
Dolce e Gabbana chiudono un 2016 sfortunato: i dati

Gli affari non vanno molto bene per la casa di moda milanese Dolce e Gabbana. Il bilancio chiuso lo scorso marzo ha infatti visto un utile di soli 918 mila euro rispetto al super profitto di 56,2 milioni dell'esercizio precedente, che ha permesso ai due stilisti d'incassare lo scorso anno un dividendo di 50 milioni. A riportare la notizia è il sito andreagiacobino.com, secondo il quale la redditività della holding diminuisce anno su anno da 30 a 14,6 milioni, nonostante un fatturato cresciuto da un miliardo a oltre 1,2 miliardi.

Il problema del gruppo di fashion e lusso sono i debiti verso le banche: 267,4 milioni rispetto ai 132 dell'esercizio precedente, di cui 167,4 esigibili entro marzo 2017 e i restanti 100 milioni oltre quella data. Le principali banche che si sono più esposte nei confronti dei due imprenditori sono il Credit Agricole, che ha prestato 52,7 milioni, poi Intesa Sanpaolo (45 milioni) e infine Unicredit (22,6 milioni).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rintintin

    10 Dicembre 2016 - 11:11

    difendere sti due è impossibile...dalla sabbiatura dei jeans che provoca morti tra i lavoratori, la manifattura cinese e minorile che usano e tutto il resto...insomma c'è da sbatterli in galera per un bel po...poi sono solo dei riciclatori di soldi sporchi...ma che credete che abbiano fatto una fortuna con quei quattro stracci che fanno ??? ma dai , siamo seri. Coca e non la cola

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    10 Dicembre 2016 - 11:11

    difendere sti due è impossibile...dalla sabbiatura dei jeans che provoca morti tra i lavoratori, la manifattura cinese e minorile che usano e tutto il resto...insomma c'è da sbatterli in galera per un bel po...poi sono solo dei riciclatori di soldi sporchi...ma che credete che abbiano fatto una fortuna con quei quattro stracci che fanno ??? ma dai , siamo seri. Coca e non la cola

    Report

    Rispondi

media