Cerca

affari di famiglia

Mediaset, le fazioni sulla cessione: anche Luigi Berlusconi contro papà Silvio, Marina e Pier Silvio

14 Dicembre 2016

5
Pure Luigi contro papà Silvio. L'ultimo guaio in casa Berlusconi

I francesi di Vivendi stanno scalando Mediaset e Silvio Berlusconi prepara in famiglia le contromosse. La posta in palio ovviamente è altissima e servono decisioni rapide. Riporta Repubblica che il Cav, alla luce delle divergenze tra i figli sul futuro dell'azienda di famiglia ha convocato Marina, Piersilvio, Barbara, Luigi ed Eleonora, i quali sono riuniti ora ad Arcore per sedersi ad un tavolo e stabilire quali saranno i prossimi passi.

Perché Berlusconi e i figli in questo momento hanno davanti due strade. Una strada, che li costringe però a mettere mano al portafoglio, va nella direzione della difesa di Mediaset (Berlusconi ha appena speso 140 milioni per arrotondare la partecipazione al 38,2%). In questo scenario bisogna sottolineare che Fininvest non ha problemi di soldi: ha 330 milioni di liquidità e altri 400 milioni arriveranno dalla cessione del Milan. Certo, è una operazione molto costosa. L'altra strada consiste nel trovare un accordo con Bollorè per creare quel "polo di media e produzione" che aveva convinto i due ex-partner a firmare l'intesa su Premium. Una sorta di "accozzaglia" in cui potrebbero confluire Telecom Italia, Canal Plus e forse pure Orange. Ma in questa partita i Berlusconi rischierebbero di essere ridimensionati a soci finanziari.

La riunione di famiglia servirà quindi a decidere quale strada prendere. Marina e Piersilvio sarebbero intenzionati a non mollare la presa sulle tv, mentre Barbara Berlusconi sarebbe di un altro parere, visto che qualche anno fa ha criticato la decisione del padre e dei due fratellastri di non vendere Mediaset a Rupert Murdoch. Dalla parte di Barbara ci sarebbero anche gli altri due figli di Veronica Lario, Eleonora e Luigi. Loro vorrebbero liberarsi della patata bollente di Mediaset in cambio di una partecipazione in uno dei colossi del settore del futuro. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ulanbator10

    14 Dicembre 2016 - 22:10

    I figli di secondo letto hanno una quantita' di azioni Mediaset che anche se le regalassero a Ballore', non sposterebbero piu' di tanto la quota di proprieta'. Per cui caro Feltri, prima di avallare articoli che , oltre tutto, non rispecchiano la volonta' attuale dei ragazzi di Berlusconi, pondera almeno il peso di scritti che non sono degni neppure di un giornale scandalistico. Feltri,fai senso

    Report

    Rispondi

  • lucianodarby52

    14 Dicembre 2016 - 14:02

    Il caso dei figli della lario identifica di chi sono figli. Povbero Silvio puo fidarsi solo dei figli della prima moglie. la seconda è sempre stata una donnetta che ha cercato di danneggiare il marito che l'aveva fatta divenire importante pocera donna

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    14 Dicembre 2016 - 13:01

    Che strano i figli di primo letto da una parte mentre quelli di secondo letto dall'altra. Vuoi vedere che i tre rampolli manderanno a gambe all'aria ciò che loro padre ha costruito con fatica? Se non mettono in mezzo un "avvocato Valleta" del caso, tutto finirà prima dell'arrivo della prossima generazione. Troppe teste a comandare, così non funziona nessuna azienda.

    Report

    Rispondi

    • disgustato

      14 Dicembre 2016 - 14:02

      E' un po come la nuova legge elettorale proporzionale che il cavaliere vuole ,troppo teste troppo appetiti ingovernabilità assicurata.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

media