Cerca

I soliti crucchi

Der Spiegel contro l'Italia: siete pieni di soldi

Il settimanale tedesco sostiene che i suicidi ci sono sempre stati e che gli italiani sono più ricchi dei tedeschi

Angela Merkel vista da Benny  e la copertina di Der Spiegel

 

Un asino carico di soldi che avanza a testa bassa sotto il peso della ricchezza. Un ciuco montato da un uomo anziano con lo sguardo pecettato che si protegge sotto l'ombrello dell'Unione Europea. E' l'immagine scelta dal settimanale tedesco Der Spiegel per sostenere la tesi della finta povertà dei Paesi europei in crisi. In soldoni, l'autorevole rivista sostiene che  la Germania non può, non deve accollarsi i debiti dei Paesi che si dichiarano in difficoltà per un motivo semplicissimo: questi Paesi mentono. I Paesi del Sud Europa i soldi li hanno, ma  li nascondono nei Paesi del Nord, quindi è giusto che si salvino da soli.

 Ognuno pensi per sé - Il settimanale fa riferimento ai dati statistici pubblicati recentemente dalla Banca Centrale Europea sulla ricchezza delle famiglie europee, sono dati che hanno infiammato il dibattito in Germania e consolidato il fronte di quelli che sostengono che ogni Paese debba ripondere da solo dei propri guai finanziari.  L'idea è che il metodo Cipro dell'autosalvataggio deve diventare un modello per il futuro anche se Mario Draghi precisa che quello di Nicosia è un cao isolato e che mai sarà imposta una patrimoniale per i salvataggi futuri.


L'Italia e il precedente da paura Ovviamente per noi è molto interessante il passaggio sull'Italia. I giornalisti che firmano l'inchiesta (due esperti di economia) sostengono che i suicidi che si verificano tutti i giorni c'erano già prima della crisi e che la  ricchezza media delle famiglie italiane, essendo di 173.500 euro, "tre volte quella dei tedeschi". Avendo l’Italia un debito pubblico del 130 per cento contro quello tedesco che è all’80 per cento c’è una sola soluzione perché esca dall’impasse. Ecco quindi la ricetta tedesca: sarebbe più sensato che i Paesi in crisi riducano i loro debiti con le proprie forze: aggredendo maggiormente la ricchezza dei suoi cittadini. Non viene fatto nessun riferimento al fatto che lo stipendio medio in Germania è più alto di quello italiano e che anche la qualità dei servizi resi dello Stato è imparagonabile, nessun riferimento al livello ormai insopportabile di tasse che si abbattono e falcidano i nostri salari. Nell'inchiesta i gironalisti ammettono che i tedeschi hanno una tradizione da cicale e preferiscono vivere in affitto piuttosto che risparmiare. Ma la conclusione è sempre la stessa: gli italiani i soldi li hanno quindi si salvino da soli...Ed ecco che torna alla mente il passato, impossibile non pensare alla teoria hitleriana secondo cui gli ebrei erano più ricchi dei tedeschi...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    13 Maggio 2014 - 14:02

    Quel popolo di bastardi potrebbe sprofondare e nessuno andrebbe a cercarli. Si portano dietro quella pesantissima croce dell'olocausto. Una macchia che non si potrà mai lavare. Popolo di perdenti con un pedofilo all'interno del governo. Fiero di non essere tedesco. In culo alla Merkel. Crepa.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    13 Maggio 2014 - 13:01

    la germania ha perso la guerra in armi ma vuole vincerla con la finanza, via dall'europa se significa soltanto sudditanza alla 'culona'

    Report

    Rispondi

  • maik57

    02 Maggio 2013 - 11:11

    chi ha creato il debito pubblico cosi alto in Italia? personalmente non ho mai e dico mai, preso una lira o euro dallo stato, ho 55 anni. se si ragiona un po' ci si arriva, 50 anni di ruberie dei politici, baby pensioni, pensioni d'oro, dipendenti della pubblica amministrazione inutili, intere famiglie ( padri, madri, figli, figlie, cognati, nipoti, ecc,)stipate in uffici a grattarsi le palle, cassintegrati con secondo e terzo lavoro, forze dell'ordine spropositate cosi come l'esercito che non servono a un cazzo, ecco dove sono finiti i soldi!

    Report

    Rispondi

  • RobertPaul

    27 Aprile 2013 - 08:08

    nelle banche dei paesi nordici , che se li prenda

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog