Cerca

Sergio d'oltreoceano

Marchionne sempre più americano:
pronti venti miliardi di $
per comprarsi tutta la Chrysler

Secondo il Wall Street Journal, l'ad Fiat avrebbe già preso contatti con le banche per arrivare al 100% del colosso automobilistico Usa

5
Marchionne sempre più americano:
pronti venti miliardi di $
per comprarsi tutta la Chrysler

L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, starebbe preparando un’operazione da 20 miliardi di dollari per arrivare al controllo del 100% di Chrysler e quotare a Wall Street la società che nascerà dall’unione con la casa automobilistica italiana. A scriverlo è il Wall Street Journal, secondo il quale l’ad ha già preso contatti con Bank of America, Deutsche Bank e Goldman Sachs per i finanziamenti di questa "complessa" manovra che prevede una Ipo Fiat-Chrysler per raccogliere i fondi.   La somma in gioco, 20 miliardi, è di poco inferiore ai 23 miliardi di dollari che nel 2010 furono necessari per quotare in Borsa General Motors, fa notare il quotidiano della finanza Usa. Oltre a ottenere nuovi finanziamenti, Marchionne dovrà riuscire ad acquistare la quota di Chrysler in mano al potente sindacato americano Uaw e a rivedere i prestiti e le obbligazioni del colosso Usa, ha spiegato il Wsj.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldogam

    05 Luglio 2013 - 08:08

    il che è praticamente impossibile.

    Report

    Rispondi

  • biemme

    28 Maggio 2013 - 10:10

    Marchionne è un grande personaggio. L'unica strada per l'Italia per rinascere: fare pulizia di tutti i politici ed inghippi vari e consegnare a Marchionne la guida del paese. Potere assoluto.

    Report

    Rispondi

  • neugenio

    25 Maggio 2013 - 16:04

    E dimostra che ha tratto le logiche conseguenze di tutte le canagliate che sindacati e magistrati si sono divertiti a fare a lui e alla Fiat. Ha portato un'azienda che arrancava faticosamente per stare a galla ad essere una protagonista del mercato dell'auto. Dimosstra inoltre l'effetto devastante provocato dal sindacalismo e dalla magirtratura sull'industria italiana.E non solo quella dell'auto.Dimostra inoltre che la padronanza della lingua inglese porta frutti estremamente positivi che si notano soprattutto a lunga scadenza. Quei professori che vogliono escludere l'insegnamento di questa lingua fondamerntale dimostrano semplicemente di essere degli ignoranti che andrebbero rottamati prima che combinino altre bestialità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media