Cerca

I compiti a casa

Ue, stop a procedura sul deficit italiano

Ue, stop a procedura sul deficit italiano

L'Unione Europea per una volta ci ha promossi. Bruxelles ha infatti ufficialmente chiuso la procedura per deficit eccessivo contro l'Italia aperta quattro anni fa (il premier, Enrico Letta, ha commentato: "E' merito di tutti gli italiani"). Ma la buona notizia ha un'ombra. L'Europa che ci sorride davanti ma continua a bastonarci alle spalle. Infatti insieme alla chiusura del fascicolo deficit arriva un monito, una raccomandazione che graverà sulle tasche degli italiani a lungo. Proprio mentre Letta parla della necessità di fare al più presto le riforme ("Abbiamo 18 mesi"), l'Europa cerca di disinnescare le due di maggiore impatto: l'abolizione dell'Imu e lo stop all'aumento dell'Iva. Il governo, insomma, ha le mani legate. I margini di manovra, se venissero recepiti i diktat di Bruxelles, ci sarebbero solo per le riforme di rango costituzionale. 

Più Imu e aumentate l'Iva -  Come detto, Bruxelles non vuole che si tocchi l'Imu e spinge per non evitare l'aumento dell'Iva. Una spada che ora pende sulla testa del governo. L'Ue in pratica ha allungatop la lista dei compitini per casa che Roma deve eseguire. Tra queste dritte quella sul tema fiscale è la più pesante e incisiva ed entra pienamente nell'attuale dibattito politico nazionale: l'Italia, a parità di gettito, deve alleggerire il carico fiscale da lavoro e capitale compensandolo con la maggiore tassazione dei consumi (Iva) e degli immobili (Imu).

Estate decisiva - Dunque ora il governo e il premier Enrico Letta dovranno fare in conti con le direttive di Bruxelles. Per quel che riguarda l'Iva, la Ue chiede di rivedere il regime delle esenzioni e delle aliquote ridotte, mentre per gli immobili la Commissione raccomanda di riformare il catasto per allinearlo ai valori di mercato. Una linea che pare vicina a quella del ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, favorevole a occuparsi prima del rilancio degli investimenti che di bloccare il previsto aumento dell'Iva, ma non a quella dell'intero governo. Sull'Imu, che ricordiamo è stata rinviata a settembre, il governo ha promesso con un decrerto di intervenire per una riforma entro la fine di agosto. La sopensione della rata di giugno ha dato ossigeno ma l'esecutivo deve decidere presto se abolire l'imposta o cambiarne i parametri. Su questo fondamentalmente si gioca la tenuta del governo Letta. Bruxelles intanto dall'alto continua ad osservarci. (I.S). 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    31 Maggio 2013 - 10:10

    Anche l'esecutivo Letta ha cavalcato la bufala della procedura deficit menando così il can per l'aia dal suo insediamento. La verità che Letta assomiglia sempre più al Bersanov, minaccia di andarsene, pone termini e paletti come se gli italiani lo giudicassero indispensabile. Se così è NON ha capito niente: gli italiani voglio fatti concreti di balle ne ascoltano in quantità industriale da 70anni.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    30 Maggio 2013 - 09:09

    il nostro problema si chiama Spreco Corrente Annuo, si chiama inefficenza pubblica, si chiama appalti che costano il 40% in più che in europa, si chiama corruzione, ecc ecc FRUTTO del lavorio di Un Milione Trecentomila zecche politiche infiltrate nelle piaghe di uno stato MARCIO da 30 e più anni. La nostra SALVEZZA, per contro, stà proprio nella cancellazione di queste bestialità della nostra politica, e la UE scrive norme da idioti.... e chiacchera.

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    30 Maggio 2013 - 08:08

    Anche questi che sembrano nuovi governativi non hanno nessuna intenzione di governare l'Italia. Non fanno altro che tendersi tranelli anche tra di loro e pensano unicamente alle loro poltrone o come riprendersele al più presto. L'Italia e gli imprenditori italiano sono alla canna del gas mentre questi fanno i loro giochi di potere. Scendiamo in piazza tutti il 31/05/2013 e suoniamogliene quante ne vogliono. Abbaiamo questo potere bastardo che ci ha già portato alla rovina. Il tempo è cessato e questi devono levarsi dai coglioni. Bastano pochissimi Italiani (non politici) per rimettere in sesto il paese. Tagliamo loro tutto escluso nulla perché persone INEFFICIENTI TOTALMENTE che hanno dimostrato solo di RUBARE e NON ESSERE CAPACI DI NULLA. Ci vuole solo la rivoluzione per ottenere una nuova ITALIA. Si stava meglio sotto il Fascio e non è un modo di dire è una realtà! Poi senti Dolce e Gabana che vengono pizzicati come evasori e dicono che in Italia non si può più lavorare!!! Ridicoli!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    30 Maggio 2013 - 08:08

    Anche questi che sembrano nuovi governativi non hanno nessuna intenzione di governare l'Italia. Non fanno altro che tendersi tranelli anche tra di loro e pensano unicamente alle loro poltrone o come riprendersele al più presto. L'Italia e gli imprenditori italiano sono alla canna del gas mentre questi fanno i loro giochi di potere. Scendiamo in piazza tutti il 31/05/2013 e suoniamogliene quante ne vogliono. Abbaiamo questo potere bastardo che ci ha già portato alla rovina. Il tempo è cessato e questi devono levarsi dai coglioni. Bastano pochissimi Italiani (non politici) per rimettere in sesto il paese. Tagliamo loro tutto escluso nulla perché persone INEFFICIENTI TOTALMENTE che hanno dimostrato solo di RUBARE e NON ESSERE CAPACI DI NULLA. Ci vuole solo la rivoluzione per ottenere una nuova ITALIA. Si stava meglio sotto il Fascio e non è un modo di dire è una realtà! Poi senti Dolce e Gabana che vengono pizzicati come evasori e dicono che in Italia non si può più lavorare!!! Ridicoli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog