Cerca

Tariffe bollenti

Energia, le tasse nascoste
che fanno raddoppiare le nostre bollette
E altre arriveranno presto...

Energia, le tasse nascoste
che fanno raddoppiare le nostre bollette
E altre arriveranno presto...

Si chiamano "oneri indiretti" o "oneri generali di sistema" e fanno lievitare la bolletta della luce. Alla fine dell'anno come, scrive Sergio Rizzo su Il Corriere della Sera, il loro ammontare sarà per ciasun cittadino italiano di 230 euro pari al venti per cento dell'intera bolletta, per un costo totale di 14 miliardi. L'anno scorso i costi per gli oneri indiretti era di 192 euro e l'anno prima di 125. Ma cosa sono gli oneri indiretti? Per dirla in soldoni sono le tasse sulle tasse che fanno schizzare in alto le nostre bollette, sono costi nascosti nella spesa per l'energia elettrica che quest'anno pesano sulla bolletta per il 20 per cento. In questi "oneri" ci sono gli incentivi per le rinnovabili: i pannelli solari, le pale eoliche, le centrali a biomasse, ma anche le fonti "assimilate" come gli scarti delle raffinerie che godono ancora dei contributi ecologici

La tassa per smantellare le centrali atomiche. Tassati anche gli oneri per il nucleare: 149 miloni l'anno scorso, 255 nel 2011 e ben 410 nel 2010. Sono soldi destinati allo smantellamento delle centrali atomiche chiuse con il referendum nel 1987. Contineremo a pagare per questo fino al 2021, ci ricorda Rizzo.  vengonmo tassate anche i bonus per le famiglie povere (è la voce più piccola ridotta a un terzo nel 2012). Ma le brutte notizie non finiscono mai perché il governo di Mario Monti ha deciso di dare fiato alle imprese spostando 780 milioni di peso degli oneri generali di sistema dalle loro bollette a quelle delle famiglie. Le bollette, quindi, aumenteranno ancora. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leonardo LIBERO

    16 Giugno 2013 - 08:08

    Dall’ultima (2012) Relazione dell’Autorità per l’Energia risulta che nel 2011, in Italia, si sono venduti 266.717.000 MWh di elettricità per una spesa di circa 25 miliardi di €. Di cui il 10%, circa 2,5 miliardi, è dovuto ai sovrapprezzi A3, introdotti dalla delibera CIP6 1992 col pretesto del sostegno alle fonti rinnovabili, ma il cui gettito è sempre andato per circa il 70% a fonti “sporche”, come i residui petroliferi, “assimilate” alle rinnovabili non si sa in grazia di che santo (anche se è umano sospettarlo). Le 4 società che più hanno goduto di quel raggiro, ammontante in totale ad almeno 42 miliardi, a tutto il solo 2010, sono Edison, Saras , ERG e GDF Suez. E i 500 milioni di risparmio sulle bollette, che il ministro vuole “elargire” agli italiani sono solo 14 in più dei circa 486 che la sola Edison, nel solo 2011, ha incassato per elettricità da fonte “assimilata”. Un minimo di pudore, signor ministro !

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    15 Giugno 2013 - 10:10

    invece di litigare sul sesso degli angeli e di discutere animatamnete su dettagli insignificanti perchè non si prova ad imbastire un bellissimo prolungato insistito sciopero fiscale dal momte Bianco a capo passero in sicilia, ilmaal di tasse è comune a tutti. visto che in 100 giorni il governo manco ha prodotto un topolino di provvedimento, *aiutiamolo* a prendere le decisioni visto che i politici si scannano su temi che con la crisi stanno come gli elefanti su marte. tanto difficile? ad ogni foglia che si muove controvento si organizzano scioperi selvaggi a cui partecipano i soliti quattro gatti qui si tratta di milioni di persone insomma di cosa si ha paura delle cartelle equitalia che arrivano in seguito? basta fare un mod unico rigorosamente cartaceo dove si indica 0 come reddito

    Report

    Rispondi

  • Noidi

    07 Giugno 2013 - 08:08

    Mamma mia che sequela incredibile di cavolate. L'acqua calda è facile da fare, ma quella del riscaldamento no?? Perchè poi? Comunque il 20% di fotovoltaico già c'è (io lavoro per il settore e ne so qualcosa). I 220 Volt sono fattibili con il fotovoltaico e i380 Volt no?? Perchè no? che differenza c'è, genio? A quanto pare Lei vive in Germania come me, ma la Sua ignoranza è internazionale.

    Report

    Rispondi

  • Capfer

    06 Giugno 2013 - 21:09

    E il 20% dal fotovoltaico mi sembra una strunzata. Forse dall'eolico, non lo escludo. Eppoi l'acqua calda è facile da fare e non costa una sega, le spese grosse sono il riscaldamento e tutti gli elettrodomestici elettrici, compreso il forno/piano di cottura a 380v. E quelli col fotovoltaico non li mandi, ascolta a me.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog