Cerca

La riforma

Occhio al nuovo condominio:
cosa cambia da oggi

Più responsabilità per l'amministratore e nuovi poteri agli inquilini. Stop ai divieti per gli animali. Tutte le novità del nuovo regolamento

Occhio al nuovo condominio:
cosa cambia da oggi

Ci siamo. Dopo mesi di annunci, approfondimenti e critiche  preventive arriva il momento che circa trenta milioni di italiani aspettavano tra ansie e angosce: entra in vigore la legge 220 del 2012, la riforma del condominio. Esagerati? Assolutamente no. Perché bastano un paio di dati per far capire quanto le nuove regole andranno a incidere  sulla vita dei cittadini: le cause pendenti nei tribunali di tutta Italia, riferibili a questioni condominiali, sono al momento circa due 2 milioni, e  in media ogni anno si registrano circa 200 mila nuove «liti di palazzo». 

Insomma le norme pubblicate alla fine dello scorso anno nella Gazzetta Ufficiale toccheranno la carne viva delle persone che sono costrette a «sopportarsi» nello stesso stabile,  e proprio per questo meritano di essere approfondite. Partendo dalle maggiori responsabilità degli amministratori. 

Gli amministratori
Qualche esempio? Innanzitutto gli obblighi. Rispetto al passato, infatti, i nostri dovranno essere dotati di una polizza individuale di assicurazione per la responsabilità civile per gli atti compiuti nell’esercizio del loro mandato e dovranno far transitare le somme ricevute su uno specifico conto corrente. Ma non solo. Perché se l’assemblea glielo chiede  l’amministratore è tenuto ad attivare un sito internet del condominio dove chi ne ha diritto potrà consultare ed estrarre le copie in formato digitale dei vari documenti, mentre in caso di opere di manutenzione straordinaria o innovazioni sarà necessario costituire un fondo obbligatorio di importo pari all'ammontare dei lavori. Poi i requisiti. Quand’è obbligatorio avere un amministratore? Prima della riforma se c’erano più di quattro condòmini, da oggi in poi se si superano le otto unità. Da ricordare, comunque, che il nostro gestore resta in carica per due anni, salvo il caso di rinnovi, e non dovrà avere precedenti penali per reati contro il patrimonio, né risultare protestato. Così come sarà indispensabile l’aver frequentato un corso di formazione specifico (ma solo se svolge la professione da meno di 1 anno). Al momento della nomina, inoltre, deve specificare le componenti del suo stipendio e non ha diritto ad altri compensi se non lo delibera l’assemblea. 

I condòmini
E veniamo ai condòmini. Con una premessa: la riforma ha inciso nel profondo. Dell’articolo 16, «Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici», si è detto di tutto e di più, anche perché  cani e gatti sono tra i principali motivi di lite. Ma altrettanto importanti sono i nuovi quorum per la validità dell’assemblea e delle sue delibere: per la costituzione in prima convocazione serve il 50% +1 dei condomini e 2/3 dei millesimi, per la seconda (quella che conta davvero) ci si accontenta di 1/3 dei condomini e 1/3 dei millesimi, mentre per le delibere è necessario il  50% +1 dei partecipanti e 1/3 dei millesimi. E quelle per condòmini morosi e per le sanzioni: dopo 6 mesi dal rendiconto in cui risulta la morosità, l’amministratore ha l’obbligo di richiedere il decreto ingiuntivo, mentre le violazioni al regolamento condominiale verranno punite con multe da 200 fino a 800 euro in caso di recidiva. 

Grande risalto mediatico ha avuto anche il quinto comma  dell’articolo 118 che dà al condòmino la possibilità  rinunciare all’utilizzo delle parti comuni, come l’impianto di riscaldamento e di condizionamento, qualora dal suo distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento né aggravi di spesa per gli altri «colleghi». Una svolta? Difficile dirlo adesso. Anche perché, secondo molti esperti, il distacco non sarà economicamente indolore. Ma per questa, come per le altre regole, sarà sufficiente aspettare un paio di mesi e controllare nei tribunali l’andamento del tasso di litigiosità per avere un’idea della loro efficacia.

di Tobia De Stefano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    18 Giugno 2013 - 14:02

    Vorrei sapere da chi ha promulgato questa legge, qual'è la differenza tra (Umani e Animali). Fino a questo momento è sempre stato l'uomo che ha condotto al guinzaglio un animale, ora con questa legge sarà l'animale a mettere il guinzaglio all'uomo. E' forse un nuovo sistema di integrazione ?. Al politico che ha presentato questa legge, le auguro tutte le peggiori malattie degli animali.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    18 Giugno 2013 - 12:12

    .. da quanto espresso dall'articolo, ci sarà un vantaggio per banche e assicurazioni. L'altra vera novità è che non saremo più liberi neppure di impedire animali domestici anche se la totalità - 1 li vorrebbe escludere. Stiamo rasentando il ridicolo, la democrazia (il volere della maggioranza) viene un'altra volta calpestata.

    Report

    Rispondi

  • PotoPoto

    18 Giugno 2013 - 12:12

    Ciao, tra le riforme ho letto che è necessario ed utile il discorso sito. Qui giro questo link di questo sito: http://www.101condomini.it utilizzato per il ns condominio dove ci siamo trovati benissimo, ed ora è possibile anche iscriversi ed utilizzarlo gratis..(che oggi come oggi nn fa mai male..). Per le novità introdotte, mi sembrano interessanti e spero che aiutino a risolvere le consuete controversie che disolito, purtroppo, nascono all’interno dei condomini (troppo spesso).

    Report

    Rispondi

  • PotoPoto

    18 Giugno 2013 - 12:12

    Ciao, tra le riforme ho letto che è necessario ed utile il discorso sito. Qui giro questo link di questo sito: http://www.101condomini.it utilizzato per il ns condominio dove ci siamo trovati benissimo, ed ora è possibile anche iscriversi ed utilizzarlo gratis..(che oggi come oggi nn fa mai male..). Per le novità introdotte, mi sembrano interessanti e spero che aiutino a risolvere le consuete controversie che disolito, purtroppo, nascono all’interno dei condomini (troppo spesso).

    Report

    Rispondi

blog