Cerca

Nero nel mirino

G8, accordo contro l'evasione e i paradisi fiscali

G8, nella bozza del comunicato finale si punta a un accordo tra le potenze e a una stretta contro i paradisi fiscali: "Scambio automatico di informazioni"

G8, accordo contro l'evasione e i paradisi fiscali

Nel bel mezzo della seconda giornata di lavori al G8, hanno cominciato a filtrare le prime indiscrezioni sulla bozza del comunicato finale del summit del potenti, che verrà letta dal padrone di casa, il premier britannico David Cameron. Nel documento ci saranno le classiche dichiarazioni e richieste di rito: "Sostegno alla domanda, sicurezza delle finanze pubbliche e riforme". Verranno chiesti gli accordi dell'Unione bancaria, poiché "fortemente necessaria" per ridurre la frammentazione finanziaria. Ma tra le righe della bozza, spunta fuori anche un accordo di massima sulla futura rivoluzione fiscale. Nella prima stesura del comunicato si legge: "Ci impegniamo a fare dello scambio automatico di informazioni tra le autorità fiscali il nuovo standard globale, e lavoreremo con l'Ocse per sviluppare rapidamente un modello unilaterale che renderà più facile per i governi trovare e punire gli evasori". 

Sulle multinazionali - L'obiettivo dei potenti del pianeta è quello di dare nuovo impulso alla lotta contro il riciclaggio e alle società di comodo utilizzate per evadere il fisco. Così, le autorità fiscali del mondo "dovrebbero automaticamente condividere informazioni per combattere la piaga dell'evasione fiscale. Le nazioni - viene sottolineato - dovrebbero cambiare le regole che permettono alle imprese di spostare i loro profitti oltre confine per evitare le tasse, e le multinazionali dovrebbero riportare alle autorità fiscali quante tasse pagano e dove". Il Grande Fratello fiscale, insomma, vuole riproporsi sul scala planetaria. Nel comunicato c'è un riferimento ancor più preciso alle multinazionali: "Le compagnie - si legge nel testo - dovrebbero sapere chi realmente le controlla e le autorità che si occupano dell'esazione e i legislatori devono essere in grado di ottenere delle informazioni facilmente". Un riferimento anche ai Paesi in via di sviluppo, che "devono avere le informazioni e la capacità di recuperare le tasse che gli sono dovute, e gli altri Paesi devono aiutarli".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Rev71

    22 Giugno 2013 - 02:02

    Fausta e capcap, su idioti come voi hanno creato il proprio infame consenso le peggiori dittature della storia umana. Sì, proprio su gentaglia idiota come voi. Gentaglia che non considera la privacy un bene primario dell'uomo, ma solo un capriccio. Dovrebbero piazzarvi una telecamera nel cesso, La meritate, se non capite che il ragionamento "male non fare, nulla temere" è di una pericolosità assurda e conferisce a chi ha il potere di spiare assoluta, e antidemocratica, libertà. Poveri idioti.

    Report

    Rispondi

  • puzzailsignorvincenzo

    18 Giugno 2013 - 21:09

    Magari! Gli schifosi evasori hanno rovinato l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    18 Giugno 2013 - 20:08

    Pensate per un momento che uno stato sia un supermercato che ti vende dei servizi ad un certo costo (tasse), ad un certo punto le persone capiscono che comperando l'acqua minerale in un posto e la pasta in un altro, riesce a risparmiare. Cosi ora la lobbi dei supermercati che non reiscono afare battere i propri conti in quanto sono innefficienti vogliono che tutti i supermercati del mondo si adeguino al loro standard. Ma se il Tonga, ha un supermercato, e gli conviene vendere un prodotto a prezzi bassissimi perchè gli conviene, come e con che diritto possono fargli cambiare idea. La libertà di movimento delle merci e del denaro è alla base del nostro sistema finanziario. Il vero problema è che alcuni stati sono SUPER INEFFICIENTI E VOGLIONO CHE TUTTI SI ADEGUINO AL LORO LIVELLO PERCHè NON SANNO COS'ALTRO FARE.. L'Italia è falita.. non i paradisi fiscali.. siamo noi che siamo in un INFERNO FISCALE CHIEDI AI VARI STATALI DA 300.000 EURO DI STIPENDIO SE L'ITALIA DEVE TAGLARE LORO STIPENDI

    Report

    Rispondi

  • tristano.libero

    18 Giugno 2013 - 19:07

    Ce l'hanno proprio con lui. Dopo aver fatto tante leggi ad personam ora ha trovato quelli del G8 (tutti notoriamente comunisti) che gli fanno un legga contra personam. Eh sì, sembra proprio fatta apposta per lui considerato che è un pregiudicato evasore ed ha occultato miliardi di capitale esentasse nei paradisi fiscali (una parte li ha fatti rientrare provvisoriamente in Italia scudati con la legge di Tremonti, e poi via di nuovo nei paradisi fiscali).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog