Cerca

Tassare le squillo

Iva, la proposta della Lega: legalizzare le prostitute per non aumentare l'imposta

Al Senato il Carroccio torna alla carica: "Stoppiamo le violenze e troviamo altri soldi". Giovannini e Zanonato: "Le proveremo tutte, ma è dura"

Iva, la proposta della Lega: legalizzare le prostitute per non aumentare l'imposta

Con le "lucciole" legalizzate, e tassate, si può evitare l'aumento dell'Iva al 22 per cento. E' la Lega Nord a rispolverare la vecchia idea, aggiornata alle emergenze attuali. Il Carroccio schiera l'intero gruppo del Senato a sostegno della propria proposta di legge che porta come prima firma quella del capogruppo Massimo Bitonci. "Non ha più alcun senso - spiega in una nota Bitonci - nascondersi dietro ipocrisie e tabù. La prostituzione è un fenomeno che esiste da sempre e il 75% degli italiani è favorevole alla sua regolamentazione anche per fermare ogni sfruttamento e violenza. Anche per queste ragioni, chiederemo l'immediata calendarizzazione del testo in commissione giustizia". "Da anni presentiamo questa proposta in Parlamento - prosegue Bitonci - senza mai arrivare nemmeno alla discussione del testo. Mi auguro che ormai i tempi siano maturi anche alla luce della profonda crisi economica che stiamo vivendo. Far emergere questo giro d’affari enorme significa per lo Stato e gli enti locali incassare abbastanza risorse per evitare non solo ulteriori aumenti delle tasse ma anche per abbassare una serie di imposte. Penso anche al prossimo rincaro dell’Iva, all’Imu o alla Tares".  

Gli imbarazzi di Giovannini e Zanonato - Nel frattempo, il governo Letta è chiamato a risolvere la questione in tempi brevissimi. "Trovare altri fondi per l'Imu, per l'Iva e anche per abbassare le tasse sul lavoro e favorire l'occupazione giovanile non è facile - mette le mani avanti il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, intervenendo all'Assemblea di Confesercenti -. I margini di flessibilità di quest'anno sono stati messi per favorire le liquidità delle Pmi. La crisi di liquidità delle piccole e medie imprese era talmente grave che il Paese ha deciso di utilizzare i margini di flessibilità di quest'anno su questo tema". All'appello mancano 8 miliardi di euro, "ogni strada sarà battuta per evitare l'aumento previsto a fine giugno", assicura il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato, che la scorsa settimana aveva avvisato dell'impossibilità di bloccare l'aumento dell'Iva. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • masbalde

    24 Giugno 2013 - 21:09

    Prposta alla lega:fate in parlamento un emendamento che renda iva e imu detraibili per tutti. Non è infatti giusto che il consumatore finale rimanga con il cerino in mano mentre tutti i passaggi precedenti hanno goduto del recupero dell'Iva pagata versando solo quella sul valore aggiunto; la portata della norma sarebbe a dir poco rivoluzionaria: tutti avrebbero interesse a esigere fattura per detrarla, il nero emergerebbe all'istante e praticamente per intero sarebbe debellata l'evasione fiscale. L'economia riceverebbe un valido impulso alla ripresa dei consumi. Idem dicasi per l'IMU: detraibilità totale dal reddito imponibile, essendo l'IMU una tassa patrimoniale che va a ridurre il reddito. Detraibilità dell'IMU dagli importi degli affitti soggetti a tassazione irpef e irpeg

    Report

    Rispondi

  • accanove

    19 Giugno 2013 - 17:05

    mi pare lodevole che pure "passere" e "passerotti" partecipino in questo brutto momento.

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    19 Giugno 2013 - 15:03

    Subito una casa chiusa a Villa San Martino (Arcore). In molte sanno già la strada.

    Report

    Rispondi

  • fullbank

    19 Giugno 2013 - 15:03

    sarebbe ora ma con il vaticano , la chiesa , i finti bigotti come si può autorizzare la prostituzione ?meglio per loro che sia esercitata illegalmente !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog