Cerca

Come nel dopoguerra

Istat, cala la spesa alimentare per colpa della crisi

L'Istituto di statistica fotografa il carrello: la percentuale delle famiglie che ha ridotto la quantità e/o la qualità dei generi alimentati è schizzata dal 53,6% al 62,3%

Istat, cala la spesa alimentare per colpa della crisi

Come nel dopoguerra. Meno pasta e meno pane. La storia si ripete, ma qui non c'è stata nessuna guerra. L'Istat fotografa la crisi e mette il naso ei carrelli della spesa che spingono ogni giorno milioni di italiani. Ebbene la foto è in bianco e nero. Il carrello è vuoto come il portafoglio. Gli ultimi dati sui consumi alimentari diffusi dall'istituto nazionale di statistica parlano chiaro. Nel 2012 la percentuale delle famiglie che ha ridotto la qualita’ e/o la quantita’ dei generi alimentati acquistati è schizzata al 62,3% dal 53,6% dell’anno precedente. L'Istat, inoltre, sottolinea come oltre sei nuclei su dieci mettano in atto strategie di contenimento dei consumi per i prodotti della tavola. Insomma si mangia meno, per spendere meno. E' l'unico modo per gli italiani per combattere la crisi. Mentre il governo tratta su Imu e Iva, e rinvia ogni possibile decisione per portare risorse nelle tasche del Paese e ridare ossigeno al potere d'acquisto, gli italiani dimagriscono. 

La crisi si siede a tavola -  Considerando l’inflazione al 3%, la spesa e’ diminuita “anche in termini reali”. Il valore mediano della spesa mensile familiare, cioe’ quello al di sotto del quale si colloca la spesa della meta’ delle famiglie residenti, e’ pari a 2.078, identico a quello del 2011, a seguito della piu’ marcata diminuzione della spesa tra le famiglie con livelli di spesa elevati. La spesa alimentare e’ sostanzialmente stabile, passa da 477 a 468 euro, ma piu’ di 6 famiglie su 10 hanno ridotto la qualita’ e/o la quantita’ dei generi alimentari acquistati (62,3% delle famiglie dal 53,6% del 2011). L'ultima isola felice si chiama hard discount. La famiglie che fanno la spesa nei supermercati low cost sono aumentate dal 10,5% al 12,5%.  La spesa non alimentare diminuisce del 3% e scende nuovamente sotto i duemila euro mensili. La quota di spesa alimentare sale al 19,4% dal 19,2%: l’aumento piu’ consistente si registra nelle regioni centrali (dal 18,4% al 19,3%) ma e’ nel Mezzogiorno che, ancora una volta, si osservano i valori piu’ elevati (25,3%). Insomma c'è chi cerca di cambiare i prodotti. C'è chi li elimina e infine c'è chi investe tutto in un bene primario come il cibo. Triste cronaca di un'Italia che fu, e che c'è ancora. Purtroppo. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    08 Luglio 2013 - 09:09

    visto i corpi passanti per le strade dove il grasso traballante impera , dove le ragazzine di 8 anni sono più larghe che alte e già flaccide , direi che il calo della pasta e del pane è d'obbligo . quanto si spendeva in questi due articoli per poi gettarli nella spazzatura ?.la mia spesa non è mai stata abbondante , oggi ho fatto la spesa (11 euro per una settimana ) e ho visto carrelli strapieni . ho chiesto " siete una comunità " no , 3 persone . e non parliamo di qualità , forse la spagna ha prodotti di scarto per l'italia ? gli yogurt che arrivano da lubiana sono marci ? io direi di no , anzi sono ottimi e costano la metà . sono andata da sempre in outlet , ma non mi sono mai vergognata , e sinceramente mi trovo benissimo . inutile fare pubblicità in italia del bello dell'italiano , non si buttano i soldi nel cesso , nemmeno fossi miliardaria .

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    05 Luglio 2013 - 18:06

    torna di moda, come nel dopo guerra rattoppare calzini e mutande, lavare tutto in casa, i lavasecco sono troppo costosi, cibo scadente acquistato nei discount. In compenso abbiamo la solita casta ben rimpinguata che non pensa minimamente di ridurre i lauti compensi che percepiscono. Letta medita...

    Report

    Rispondi

  • capcap

    05 Luglio 2013 - 16:04

    E' l'ennesima dimostrazione di quanto il nostro governo tiene alla salute degli italiani; opera per far diminuire la percentuale degli obesi!

    Report

    Rispondi

  • marcoxx62

    05 Luglio 2013 - 15:03

    L'abuso di zuccheri e cereali sono la causa dell'epidemia di mallatie metaboliche, malattie autoimmuni, tumori, ecc...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog