Cerca

Agenzia delle Entrate in pressing

Redditometro, da lunedì 40mila lettere ai "sospetti" evasori fiscali

Pronti i questionari da spedire a chi, nell'anno 2009, ha speso oltre il 20% in più rispetto al reddito dichiarato. Ecco come (e quando) difendersi

Redditometro, da lunedì 40mila lettere ai "sospetti" evasori fiscali

Sta per scattare l'Ora X del Redditometro. L'Agenzia delle Entrate sta completando in questi giorni le circa 40.000 lettere da spedire alla "lista selettiva" di contribuenti a rischio evasione fiscale, che dall'inizio della prossima settimana riceveranno i questionari con le richieste di chiarimenti in relazione all'anno di imposta 2009. Nel caso in cui, a fronte di spese sostenute superiori di oltre il 20% al reddito dichiarato, il contribuente non presenti una memoria difensiva credibile ed esauriente, scatterà la prima tappa della verifica vera e propria, l'accertamento con adesion e, infine, una nuova convocazione per il contraddittorio formale.

Le quattro voci - Il principio che muove la contestazione dell'Agenzia è che "tutto quello che è stato speso nel periodo d'imposta in questione" deve essere stato "finanziato con redditi del periodo medesimo", fermo restando (questo è un passaggio importante) la possibilità per il contribuente di provare che le spese sono state finanziate con altri mezzi". Si terrà conto, inoltre, non delle "spese correnti" (soggette a troppe variabili e difficilmente dimostrabili dal contribuente stesso) ma di "fatti certi" e della "concreta disponibilità di beni di cui l'amministrazione possiede informazioni". A partire dai controlli sull'anno di imposta 2011 l'Agenzia godrà dei dati comunicati all'anagrafe dei conti da banche, fiduciarie, Sim e Sgr su conti correnti, saldi, movimenti. Fino a quel momento, la contestazione si baserà su quattro voci principali: le "spese certe" (case, auto, motoscafi), le "spese per elementi certi" (quelle "di gestione", dal carburante ai pezzi di ricambio), gli "investimenti sostenuti nell'anno" e "il risparmio".

La difesa del "sospettato" - Il contribuente "sospettato" di evasione avrà 15 giorni di tempo, a partire dalla notitfica, per rispondere alla lettera-questionario dell'Agenzia. Decisamente sconsigliato fare finta di nulla, visto che il Dl/78/2010 prevede, per chi non risponde, una sanzione variabile da 258 a 2.065 euro. In più diventa automatica l'impossibilità di utilizzare le successive prove a propria difesa sia in fase amministrativa sia in fase giudiziaria. Di fatto, si arriverebbe disarmati al contenzioso finale con il Fisco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare144

    06 Settembre 2013 - 17:05

    è ovvio che arriverà ai poveri disgraziati e nn a quelli che hanno il suv o quelli che hanno le navi!

    Report

    Rispondi

  • meloni.bruno

    06 Settembre 2013 - 10:10

    Il popolo è in uno stato di sopravvivenza,il redditometro va attuato NON a 40mila poveracci MA ai 2 milioni di parassiti della burocrazia statale,altro che spendere il 20%.Il presidente del CODACON,Trefiletti abbia un pò di coraggio.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    05 Settembre 2013 - 23:11

    I politici e loro collegati dovrebbero essere i primi ad essere sottoposti a verifiche fiscali: Controllare i loro patrimoni sarebbe facilissimo, essendo che moltissimi di loro si sono sempre dedicati alla politica per mestiere e per soldi. I LADRI NON SIAMO NOI!Come vengono utilizzati i nostri soldi? Sicuramente, l'Italia essendo la più sprecona e tassata è la nazione meno progredita in Europa. In Italia ogni cittadino paga 26 euro a testa per mantenere i politici, a differenza delle altre nazioni europee spendono dai 4 ai 6 euro. Ci hanno preso proprio per coglioni?

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    05 Settembre 2013 - 23:11

    Le province dovevano essere accorpate o abolite? I cari onorevolini che siedono sulle poltrone delle province hanno provveduto ad applicare aumenti oltre del 10% dulla TARES e un sostanzioso aumento assurdo sulle polizze RC auto. A cosa servono questi Enti inutili? Invece di diminuire la spesa pubblica i politici hanno fatto il contrario. NON NE POSSIAMO PIU' ANDASSERO FUORI TUTTI DALLE PALLE QUESTI LADRONI SENZA SCRUPOLI!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog