Cerca

Tasse, tasse, tasse

Cgia Mestre, Fisco: nel 2013 gli italiani versano 12mila euro a testa

I calcoli della Cgia di Mestre: la pressione all'iperuranica quota del 44,2% del Pil

Cgia Mestre, Fisco: nel 2013 gli italiani versano 12mila euro a testa

Il solito, triste, record. Quello delle tasse. La mazzata è quella relativa al 2013, anno in cui - secondo le stime della Cgia di Mestre - la pressione fiscale raggiungerà l'iperuranica quota del 44,2% del Pil. Nel dettaglio, tra tasse e contributi, ogni italiano dovrà versare al fisco circa 12mila euro. Si tratta, giusto per avere un'idea, del 120% in più di quanto versavamo all'Erario nel 1980.

Il confronto - Il gettito fiscale e contributivo, nel 1980, era pari a 63,8 miliardi di euro alla fine del 2013, mentre alla fine del 2013 finiranno nelle casse dello Stato 694 miliardi di euro. La Cgia fa poi notare che il dato relativo alla pressione fiscale riferito al 2013 è leggermente inferiore al dato previsto nell'aprile scorso dal Documento di economia e finanza (si attestava al 44,4%). Questo perché le stime degli artigiani di Mestre hanno tenuto conto delle disposizioni fiscali introdotte successivamente, come la proroga delle agevolazioni fiscali Irpef per la ristrutturazioni, il decreto del fare, il differimento dell'aumento Iva e l'abrogazione della prima rata dell'Imu.

"Insopportabile" - Il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, puntualizza: "Non bisogna poi dimenticare che per i contribuenti onesti la pressione fiscale reale, ovvero al netto dell'economia sommersa, si attesta ormai al 53,6 per cento. Inoltre - prosegue Bortolussi - possiamo tranquillamente affermare che nel 2013 gli italiani hanno lavorato per il fisco fino alla metà di giugno. Una cosa insopportabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    19 Settembre 2013 - 13:01

    Mi sono stancato di sentire sempre la stessa "solfa"! Il sistema per uscire da questo incubo c'è, ma purtroppo ci sono in giro troppi incompetenti che non riescono a vedere ad un metro di distanza! Tempo fa avevo suggerito la soluzione: riduzione dell'aliquota al 10% e contemporanea abolizione dei rimborsi IVA!!! Mi meraviglio che il dir. Belpietro che stimavo tanto non abbia capito l'importanza di una siffatta riforma fiscale! Se non l'ha capita gliela posso spiegare nel dettaglio se avrà la compiacenza di contattarmi. Saluti a tutti.

    Report

    Rispondi

  • Argonauta

    08 Settembre 2013 - 07:07

    comincia a non dirle tu le cazzate

    Report

    Rispondi

  • AndreaLG

    07 Settembre 2013 - 18:06

    ... se è vero che in Europa i più ricchi tra i ricchi sono in Italia, la media è mancante di ancora un (grosso) pezzo: il loro. Quindi, ridistribuendo la stessa media su di loro (non conteggiati), questa diminuirebbe. E di conseguenza anche le tasse lo potrebbero. Sbaglio? Andrea

    Report

    Rispondi

  • belbelpietro

    07 Settembre 2013 - 14:02

    Conosco personalmente artigiani che girano con la Mercedes nuova e dichiarano guadagni di 2.000 euro l'anno! Non pagano certo 12.000 euro di tasse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog