Cerca

La trappola

Amici e colleghi usati da spie per trovare gli evasori

Le Entrate potranno avviare indagini finanziare e chiamare in causa parenti e conoscenti, costretti a rispondere

Amici e colleghi usati da spie per trovare gli evasori

Un questionario ti allunga la vita…O almeno così sperano gli italiani (la prima tranche farà le pulci a 35 mila persone) che finiranno  sotto la lente degli ispettori del fisco. Se è vero che il nuovo redditometro vuole evitare gli errori del passato e garantire un maggiore confronto tra contribuente e controllori, la letterina con tanto di domande a cui rispondere che arriva a casa del sospettato evasore rappresenta il primo passo verso un approccio più garantista. E il questionario, in effetti, è una sorta di avviso di garanzia. Ti dice che il fisco ha messo a raffronto i dati che possiede sul tuo reddito e sulle spese che hai sostenuto e che c’è qualcosa che non quadra. Tecnicamente si chiama incongruità. Insomma, per confermare o confutare questi sospetti pone degli interrogativi al contribuente e questi  è chiamato a rispondere entro 15 giorni. Può chiedere, motivando, un differimento, ma se non risponde rischia una sanzione amministrativa che oscilla tra i 258 e i 2.065 euro, ma soprattutto non può più portare in sede di contenzioso quelle stesse notizie o quegli stessi documenti.   

«Il contribuente selezionato per la verifica in esito alle analisi di incompatibilità tra spese sostenute e reddito dichiarato – spiega il commercialista Federico Grigoli, partner dello studio Pirola, Pennuto e Zei  - si vedrà recapitare un questionario contenente domande quali ad esempio “documentare le spese sostenute per viaggi, crociere, iscrizione a circoli e acquisti di beni preziosi” oppure “documentare somme derivanti da eredità o vincite” oppure ancora “informazioni su atti di liberalità documentati”. E se la persona messa nel mirino non vuole rispondere? Sanzione amministrativa a parte, il vero rischio è che gli elementi e i dati non trasmessi in risposta non possano essere poi usati a favore del contribuente (ma su questa impostazione dell’agenzia la giurisprudenza non è concorde) ai fini dell’accertamento salvo che il cittadino sia in grado di dimostrare che l’inadempienza è dovuta a forza maggiore. Comunque, se dopo le risposte fornite attraverso il questionario, l’ufficio ritiene che ci siano elementi idonei a fondare un accertamento, allora prende il via la fase di contraddittorio con l’invio dell’ invito a comparire di persona, o per mezzo dei rappresentati, al fine di fornire chiarimenti. In tale fase il contribuente ha sicuramente più possibilità di circostanziare la sua posizione».

Appurato che conviene rispondere, emerge con chiarezza che l’obiettivo del nuovo redditometro di «irrobustire» il rapporto tra fisco e contribuente nasconde delle sorprese poco piacevoli.  Primo. «Bisognerà innanzitutto capire – continua Grigoli – se le domande poste dal questionario saranno generiche o molto specifiche. Oggi gli strumenti in possesso dell’amministrazione finanziarie sono talmente tanti che non sarebbe difficile porre degli interrogativi chiari e ben circostanziati ai cittadini, in modo da dare loro la possibilità di rispondere più agevolmente. Ma il mio timore è che alla prova dei fatti assisteremo al processo contrario. Con domande generiche e l’obbligo del contribuente di circostanziare».

Secondo. Come evidenziato nella circolare numero 24/E, «se  il contribuente non si presenta, l’ufficio valuta l’opportunità di adottare più penetranti poteri di indagine conferiti all’Amministrazione…anche in ragione della significatività dello scostamento tra reddito dichiarato e reddito determinabile sinteticamente. Attraverso ad esempio l’utilizzo dello strumento delle indagini finanziarie…». In poche parole, in mancanza di collaborazione la morsa del fisco tenderà a farsi sempre più stretta. E così, passerà al setaccio le varie banche dati a cui ha accesso e chiederà agli istituti di credito di fornirgli tutte le informazioni che ritiene opportune sui nostri conti e sui nostri investimenti

Terzo. Siamo ancora reticenti? E allora- come sottolinea il Sole 24 Ore - Il fisco può chiamare in causa i nostri conoscenti o comunque persone che hanno intrattenuto rapporti con noi. In sostanza, se continuiamo a fare gli indifferenti gli ispettori avranno la facoltà informarsi presso terzi su modalità ed entità delle spese che abbiamo sostenuto. Potranno andare dal nostro gioielliere di fiducia e chiedere dell’ultimo prezioso acquistato, interrogare il ristoratore che siamo soliti frequentare, ma anche mettere alle strette l’amico o il familiare dal quale abbiamo ottenuto un prestito per superare un momento di difficoltà. Anche se bisogna ricordare che nel processo tributario la prova testimoniale non ha valore.

di Tobia De Stefano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    16 Dicembre 2014 - 15:03

    E-Mail anonime? Ma questi sono rimasti ai tempi delle guerre puniche! Rintracciare chi spedisce una E-Mail è un gioco che i ragazzi!

    Report

    Rispondi

  • routier

    25 Settembre 2013 - 19:07

    Possiedo una barca (lunga tre metri e per motore ha due robusti remi). Se per questo la Guardia di Finanza mi indaga faccio remare loro!

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    13 Settembre 2013 - 08:08

    Tranquilli, niente di nuovo sotto il sole. Nella Cina di Mao tanti poveri disgraziati andarono a finire in campi di "rieducazione" che nulla avevano da invidiare perchè i loro figli, nipoti e vicini li accusavano di essere antipartito. Bastava pochissimo. Nei paradisi komunisti la delazione è regola. Cari Italiani non scavatevi la fossa con le vostre mani. Domani potrebbe capitare anche a voi.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    12 Settembre 2013 - 23:11

    Si parte dalla morte di tale "perfetto"(magistrato) ancor prima della nascita di nostro Signore. Subito dopo, viene eletto "SantoMangione"(Direttore Agenzia dell'Entrate). Tutte le "persone oneste" sono definite dagli Organi di Controllo, poco attendibili. Mentre tutte le "persone disoneste", sono molto poco attendibili. Pertanto, per lo Stato siamo tutti inattendibili, come dire :"il più pulito ha la rogna". Poniamo il caso che il signor ciannosecco, persona onesta, cade nel tritacarne di un magistrato che, coscienziosamente è tutto d'un pezzo : ligio al dovere e al di sopra di ogni sospetto. Lo stesso ragionamento è valido per il Direttore dell'Agenzia delle Entrate. Ebbene, a mio avviso, il signor ciannosecco, rimane persona onesta (senza virgolette). Se, invece, io sottoscritto, "persona disonesta" vengo sottoposto ad indagini da parte di magistrato/direttore Agenzia delle Entrate, allora rimarrò in eterno persona disonesta (senza virgolette). Questa la mia opinione. Cordialmente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog