Cerca

Nel mirino

Redditometro, ecco i beni di lusso per il Fisco

Auto, barche, motociclette, viaggi e oggetti preziosi: per l'Agenzia delle Entrate potrebbero essere "sospetti". La guida: come rispondere agli ispettori

Equitalia

Tutto pronto per il nuovo redditometro: 35mila lettere sono già astate spedite ai contribuenti "sospetti", che hanno fatto scattare l'allarme per "scostamenti significativi tra reddito dichiarato e spese sostenute. L'Agenzia delle Entrate spiega che i chiarimenti riguardano chi avrà abbondantemente superato la soglia di 20% di scostamento. Una volta ricevuta la lettera, verrete convocati per i chiarimenti. Se non saranno ritenute soddisfacenti, scatterà l'accertamento vero e proprio. Occorrerà insomma spiegare da dove arrivano i soldi usati per comprare una casa, un'auto o una barca. E' determinate a tal fine avere delle prove da esibire. Di seguito qualche esempio per cercare di evitare l'accertamento vero e proprio.

La casa - Il redditometro potrebbe indagare sull'acquisto di una casa il cui valore viene considerato incongruo rispetto al vostro reddito. Esempio: se avete acuqistato un immobile da 400mila euro e dichiarate un reddito di 100mila e avete contratto un mutuo per 150mila euro, il Fisco vi chiederà di dimostrare da dove arrivano i restanti 250mila euro. I più giovani potranno sostenere di aver vissuto in casa con i genitori, accantonando una parte del reddito annuo in un fondo ad alto rendimento. Se chi ha comprato casa non è giovane potrà esibire una donazione o il lascito di una somma di denaro. Se invece avete effettuato dei lavori di ristrutturazione, il discorso è diverso. Per giustificare la spesa, nel caso di scostamento superiore al 20%, potrete dimostrare che la fonte del denaro era per esempio l'affitto dello stesso immobile, dichiarato negli anni precedenti. In ogni caso è necessario esibire le ricevute di pagamento, i bonifici e gli assegni con cui avete pagato la ditta restauratrice.

Auto, barche e vacanze - Esempio: avvete un reddito di 24mila euro e acquistate un'auto da 45mila euro. Sarà necessario dimostrare l'origine dei fondi: anche nel caso di finanziamenti e prestiti da amici e parenti vi serviranno gli assegni e i bonifici; dovrete inoltre dimostrare da dove arrivano i soldi necessari alle spese di mantenimento (bollo e assicurazione). Il medesimo meccanismo vale per le motociclette. Più complesso il discorso per le imbarcazioni: si può esibire l'anticipo del Tfr, oppure documenti che provano l'uso di titoli finanziari in scadenza o, anche, una vincita alla lotteria (che deve essere documentate). Il controllo potrebbe scattare anche per un viaggio. Esempio: se andate alle Maldive con un reddito di 18mila euro l'anno il Fisco vi convocherà. Potete dimostrare di essere sposati e di aver ricevuto il viaggio come regalo di nozze.

Beni di lusso - Il Fisco chiederà chiarimenti anche a chi tra il 2009 e oggi ha effettuato investimenti finanziari non trasparenti. Esempio: ex dirigente in pensione con un reddito di 30mila euro l'anno. Ipotizziamo che abbia una buona attività finanziaria, fondi di investimento o obbligazioni che comportano un investimento complessivo di circa 100mila euro. Il soggetto dovrà dimostrare che si tratta di risparmi accumulati negli anni, a cui ha aggiunto il Tfr o magari la vendita di un bene immobile. Il Fisco vi potrà chiedere spiegazioni anche sull'acquisto di gioielli e opere d'arte: dovrete spiegare quale sia l'origine terza del denaro e fare in modo che non vi siano dubbi sul fatto che la provenienza sia legale. I beni di lusso sono quelli a cui il Fisco  e il nuovo redditometro sono più sensibili: se ne disponete a fronte di un basso reddito verrete quasi certamente chiamati in causa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VuoivederMilano

    17 Settembre 2013 - 23:11

    Ma andare a investigare su come uno spende i soldi, sarà il metodo giusto per combattere l'evasione? Io sostengo che, come dicono in tanti, se tutto fosse detraibile, il nero e l'evasione scomparirebbero all'istante. Probabilmente non si può fare, per non mettere automaticamente in ginocchio una certa parte di Italia... che sul nero ci vive.

    Report

    Rispondi

  • VuoivederMilano

    17 Settembre 2013 - 23:11

    Ma andare a investigare su come uno spende i soldi, sarà il metodo giusto per combattere l'evasione? Io sostengo che, come dicono in tanti, se tutto fosse detraibile, il nero e l'evasione scomparirebbero all'istante. Probabilmente non si può fare, per non mettere automaticamente in ginocchio una certa parte di Italia... che sul nero ci vive.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    17 Settembre 2013 - 19:07

    perchè ti agiti? se sei una persona PER BENE NON HAI NULLA DA TEMERE.TI AGITI FORSE PERCHè HAI LA COSCIENZA SPORCA? le tasse vanno pagate.il guaio è che poi i nostri soldi vengono usati male;su questo siamo d'accordo ma l'agenzia delle entrate non c'entra nulla

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    17 Settembre 2013 - 19:07

    perchè ti agiti? se sei una persona PER BENE NON HAI NULLA DA TEMERE.TI AGITI FORSE PERCHè HAI LA COSCIENZA SPORCA? le tasse vanno pagate.il guaio è che poi i nostri soldi vengono usati male;su questo siamo d'accordo ma l'agenzia delle entrate non c'entra nulla

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog