Cerca

Battaglia in maggioranza

Governo, scontro sull'Iva: il Pdl minaccia la rottura

Governo, scontro sull'Iva: il Pdl minaccia la rottura

"Se il premier Enrico Letta non smentisce l'aumento dell'Iva a ottobre, cade il governo". "O manteniamo l'Imu sulle abitazioni di maggior valore, oppure non ci sono alternative al ritocco dell'aliquota al 22 per cento". E' su queste posizioni che si sono arroccati, rispettivamente, Pd e Pdl: i primi, dopo il monito del commissario europeo Olli Rehn, non vedono alternative all'aumento della pressione fiscale. I secondi, piuttosto che votare l'innalzamento di un punto percentuale l'Iva, sono pronti a far saltare il banco. La lotta sul fisco, nella strana maggioranza delle larghe intese, comincia a crescere d'intensità.

L'alternativa "Non c'è dubbio che l'aumento dell'Iva peserebbe negativamente sull'Economia - riconosce il viceministro all'Economia Stefano Fassina - ma non vi sono gli spazi di finanza pubblica per affrontare entro la fine dell'anno Iva, Imu, cassa integrazione in deroga, missioni internazionali e interventi per rispettare il limite del 3 per cento di deficit sul Pil. Un impegno, - è la stoccata - assunto dal governo Berlusconi, non da Letta o Saccomanni". Per l'esponente democrat l'unico modo per evitare l'aumento dell'Iva è ritoccare l'Imu, facendola pagare ai più ricchi: "Lasciamo contribuire il 10 per cento delle abitazioni di maggior valore - è il ragionamento di Fassina -. Recuperiamo così due miliardi di euro: uno per rinviare l'aumento dell'Iva, l'altro per la deducibilità dell'Imu per i beni strumentali delle imprese".

Letta a casa - Ad alzare il fuoco di sbarramento per gli azzurri è Renato Brunetta, capogruppo Pdl alla Camera: "Gli accordi di maggioranza prevedevano che non aumentasse l'Iva a ottobre, e così sarà. Altrimenti - intima - non ci sarà più la maggioranza". Brunetta non ha orecchie neanche per una proposta di revisione dell'Imu: "Gli impegni di Enrico Letta nel discorso su cui ha ottenuto la fiducia delle Camere lo scorso 29 aprile erano chiari - spiega - 'superare l'attuale sistema di tassazione della prima casa', 'generale riduzione del costo del lavoro e del peso fiscale'. Provvedimenti complementari l'uno all'altro e non alternativi. Per i quali - conclude - il Pdl ha fornito al governo ipotesi di copertura più che sufficienti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    28 Settembre 2013 - 20:08

    Sfoga il suo complesso mettendo in difficoltà il Paese, bravo Brunettina.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    20 Settembre 2013 - 08:08

    Di bello la frase richiama alla mente il noto film di Alberto Sordi nella scena del Tunnel.Qui ha solo il dramma di ricordarmi che governano ancora.La tragedia?Non sono ancora crepati tutti quanti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    20 Settembre 2013 - 08:08

    E' grave per i ricatti del PDL che impediscono una gestione, obbligando Letta a coprire le stupidaggini di Brunetta., Ce ne ricorderemo al voto anche dello sfarzo della nuova sede di F.I. in periodo in cui molti non mangiano.

    Report

    Rispondi

  • eniotesi

    19 Settembre 2013 - 08:08

    Ci stanno massacrando i c......i, con sto governo cade non cade per la storia IVA e IMU, non ci sono coperture per poter intervenire su queste tasse? non ci sono coperture, un suggerimento, fate un decreto che dal primo di Novembre, a tutto l'arco parlamentare e quello della magistratura, verrà ridotto lo stipendio e varie indennità, del 50%, risolvete subito tutto questo bailamme e avrete trovato le coperture che cercate.

    Report

    Rispondi

blog