Cerca

L'aut aut di Susanna

Cgil, Camusso: "Giù le tasse per lavoratori e pensionati o sarà sciopero generale"

Nel mirino la Finanziaria 2014: "Serve redistribuire il reddito, altrimenti ci mobiliteremo con Cisl e Uil. No alle privatizzazioni"

Susanna Camusso

Susanna Camusso

Giù le tasse o sarà sciopero generale. Se la legge di stabilità non scioglierà il nodo di un equa redistribuzione del reddito e non determinerà un taglio delle tasse per lavoratori dipendenti e pensionati, i sindacati torneranno sul piede di guerra. A profilare l'avvio di una nuova stagione di mobilitazione è il leader della Cgil Susanna Camusso parlando al termine del direttivo della confederazione di Corso Italia. "Se la legge di stabilità non scioglierà il nodo sulle tasse di lavoratori dipendenti e pensionati non si potrà che procedere con una mobilitazione con Cisl e Uil", spiega puntando il dito contro il dibattito che si profila all'orizzonte sulla finanziaria 2014 e sul silenzio del governo sulla convocazione delle parti sociali.

Le parole d'ordine della Cgil - "La discussione che c'è non ci convince, per usare un eufemismo, perché ripropone uno schema di galleggiamento senza che emerga il vero profilo di questo Paese e le reali necessità dei cittadini - spiega la Camusso -. Non si aggredisce inoltre quello che per noi è il nodo fondamentale: una ingiusta redistribuzione del reddito per la quale serve, invece, una forte riduzione delle tasse sul lavoro dipendente e  i pensionati". Il taglio delle tasse sarà, per la Cgil, il "punto dirimente": "Se ci fosse la volontà politica ci sarebbero anche le condizioni per fare una legge di stabilità in questa maniera", continua la Camusso secondo cui una simile finanziaria si porrebbe "dentro agli schemi Ue".

"No alle privatizzazioni" - Per il sindacato, come spiega ancora Camusso, servirebbe anche una "politica industriale di qualità" senza  quel pacchetto di privatizzazioni che si profila all'orizzonte. "Alle privatizzazioni diciamo un gigantesco No a carattere cubitale perché se ne parla troppo ipotizzando gli spezzatini più incredibili e inutili". "Bisogna distinguere tra tagli dei beni e dei servizi, che non sono la stessa cosa", aggiunge la sindacalista guardando a una possibile riorganizzazione della pubblica amministrazione che però non ripeta lo schema degli anni scorsi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruggero

    24 Settembre 2013 - 12:12

    Al governo, ci sono i TUOI, poi mica ti riservano agevolazioni, vedi Epifani, Cofferati, Bertinotti, ecc.

    Report

    Rispondi

  • asfodelo13

    24 Settembre 2013 - 11:11

    Sai che paura lo scioperino di mezza giornata e i soliti comizi con parole al vento della triade. Italiani sveglia una buona volta ...imitate i brasiliani..e scendete in strada spontaneamente non pilotati dai soliti sindacalisti. Stiamo affondando nella merda..si parla ormai tutti i giorni di tasse,balzelli accise .Ci sara' IVA ,rimetteranno IMU e lasceranno anche le tasse mascherate che sono gia' state introdotte a copertura. Fanno bene gli imprenditori a trasferire le loro attivita' in paesi civili. Ormai non si torna piu' indietro chi puo' deve scappare altrimenti e' finito. Salam Alekum(un italiano all'estero)

    Report

    Rispondi

  • mark70

    24 Settembre 2013 - 11:11

    non serve a nulla! solo tempo e fiato sprecato per dire sempre le solite cavolate inutili che non portano risultati...qui ci vuole ben altro che tenere i comizi in piazza. Sono 50 anni che si parla e stop, tanto poi si siedono tutti al ristorante a mangiare e bere alla faccia nostra! ma non lo vede la Camusso che siamo allo sbando e i burattini dell'intera europa? qui ci vuole una rivolta generale e stop!

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    24 Settembre 2013 - 11:11

    Dai facciamo uno sciopero generale, tutti gli artigiani, commercianti insieme, ma per una settimana cosi facciamo capire chi mantiene questo stato. Pannetieri, BAR, ristoranti, supermercati, benzinai, taxi, insomma tutte le persone con una partita IVA.. vogliamo vedere se non si mettono sull'attenti. Basterebbe che tutti si metessero d'accordo per dire.. NO AI STUDI DI SETTORE O SCIOPERO GENERALE PER UNA SETTIMANA.. vuoi vedere che sparisce e viviamo un pò meglio..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog