Cerca

Noicompriamoauto.it

Auto usate: chi sono le regine del mercato

0
Auto usate, le 5 dritte per evitare di comprare una fregatura

Ormai è risaputo: agli italiani piacciono le auto, e molto più che in altri Paesi europei. Almeno questo è quanto emerge dalla pubblicazione dei dati del Ministero dei Trasporti in riferimento al primo semestre di quest’anno, dove il mercato ha fatto segnare ancora una volta numeri positivi. Rispetto al 2016 - già redditizio per le case automobilistiche - gli italiani hanno immatricolato un numero di vetture dell’8,91% superiore, per un totale di 1.136.331 auto su strada. Unico caso in Europa: anche il Paese dove si vendono più auto, la Germania, ha subito una forte contrazione e il governo è dovuto correre ai ripari con incentivi all’acquisto.

 

Non solo auto nuove, però: nel 2017 gli italiani hanno comprato più auto usate del solito. I passaggi di proprietà registrati presso l’ACI lasciano intuire che il mercato sia in rapida espansione, e diversi fattori concorrono a questa situazione: da un lato ci sono misure come le zone a traffico limitato e le nuove tecnologie - che spingono ad aggiornare il parco macchine, anche a prezzi ridotti - dall’altro rivendere la propria auto è più semplice che in passato.

 

Cosa preferiscono gli italiani? Noicompriamoauto.it, uno dei siti leader per la rivendita di auto ha appena pubblicato uno studio relativo al periodo 2015-2017, su quali sono i marchi per cui gli italiani chiedono una valutazione del proprio usato. E qui sembrano non esserci dubbi: se la Fiat è la regina del mercato con il 9,52% delle auto valutate, questo titolo potrebbe presto svanire.

 

L’inverno potrebbe arrivare presto anche per le auto torinesi, visto che ben 5 marchi tedeschi occupano le prime dieci posizioni, coprendo complessivamente il 36% del mercato. Seconda è infatti Mercedes (8,37%), seguita da BMW (8,34%), Volkswagen (7,01%), Audi (6,82%), e Opel (5,82%). Un segnale, forse, che gli italiani si fidano più del valore delle macchine teutoniche per il mercato dell’usato, sicuri che rispetto al prezzo d’acquisto il valore sia calato molto meno di altri marchi.

 

E siccome siamo in Italia, ci sono anche qui tantissime variazioni regionali. Al Nord il podio è occupato da Fiat, BMW e Volkswagen, mentre dal Po in giù è la casa di Stoccarda a dominare il mercato dell’Usato: Mercedes è il marchio piùi valutato, seguono BMW e solo in terza posizione Fiat. L’unica eccezione nel Sud è Napoli (9,67%), dove le auto Fiat sono le più valutate in assoluto, sebbene in misura minore di quanto accade in altre città settentrionali tra cui, inevitabilmente, Torino (17,21%).

 

Ma gli esperti del settore concordano anche su un altro aspetto: sebbene la crescita generale del mercato dell’auto rappresenti un segnale di crescita della fiducia dei consumatori, non si tratta di un segnale ripresa generale. Sia gli ecoincentivi che il desiderio di passare a modelli più performanti e dai consumi inferiori potrebbero aver smosso il mercato. La crescita potrebbe addirittura rallentare. Inoltre, anche il fenomeno del leasing e quello delle chilometro zero hanno immesso nel mercato un numero non trascurabile di vetture, occasione che gli italiani non si sono lasciati scappare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media