Cerca

Colpita una casa su quattro

Ha vinto il Pdl: Imu, non paga nessuno per la prima casa, il Pd ritira gli emendamenti

Ha vinto il Pdl: Imu, non paga nessuno per la prima casa, il Pd ritira gli emendamenti

Il Pd "molla" la presa sull'Imu e sull'emendamento "anti-ricchi". "Abbiamo deciso di ritirare gli emendamenti del pd relativi alla prima rata dell'Imu perche' abbiamo avuto assicurazioni dal governo del rispetto delle richieste poste su come si chiude il 2013'', ha affermato il dem Maino Marchi. La tensione tra Pd e Pdl era arrivata alle stelle. Lo scontro è stato sulle case di lusso, quelle con una rendita catastale che superi i 750 euro. Il Pd voleva far pagare l'imposta a chi ha una casa di valore, mentre gli azzurri erano in pressing per l'abolizione totale dell'imposta. Nella bagarre è intervenuto anche il Colle: "Abbiamo avuto piccoli episodi e motivi di polemica, ma non mi pare che siano da sopravvalutare". Da Cracovia il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha cercato di spegnere le fibrillazioni politiche che nelle ultime ore si sono riaccese sull'abolizione dell'Imu sulla prima casa. Così ora il Pd batte ritirata: "Non ci sono problemi sulla prima rata dell’Imu - ha assicurato Matteo Colaninno, responsabile Economia del Pd - sono già stati disposti i trasferimenti ai Comuni e qualsiasi ipotesi alternativa sarebbe impossibile e ardua".

Doppio risultato - L'emendamento del Pd che voleva mettere le mani in tasca a chi ha una villa era stato accolto alla Commisisone Bilancio della Camera. Se fosse passato l'emendamento Pd, Saccomanni avrebbe avuto un doppio risultato: 1,2 miliardi in più dalla prima rata, ed altrettanti dal pagamento differenziato della seconda rata. Così continuano le trattative per rimodulare l'imposta e trovare un accordo. La sensazione è che presto torneremo a pagare l'Imu. La confusione sull'imposta cresce. Le ipotesi sul tavolo sono tante.

Ecco chi paga -  Ma cerchiamo di fare chiarezza. Chi dovrà pagare la seconda rata dell'Imu il prossimo 16 dicembre? Il salasso riguarda tre categorie catastali, la A/2 , la A/3 e la A/7: Quest’ultima però identifica le abitazioni indipendenti e di fatto siccome si tratta di immobili di dimensioni medie di oltre 150 metri quadrati finirebbero per pagare pressoché tutti; le classi A/4 A/5 e A/6 invece identificano immobili di scarso valore e sarebbero tutti esentati. Considerando le due categorie A/2 e A/3, proviamo a capire qual è la dimensione a cui corrisponde una rendita di 750 euro. Nella classe A/2 a Roma ad esempio equivale a quella di un monolocale da 36 metri; lo stesso a Milano mentre a Napoli la superficie sale a 48 metri e a Palermo a 96 mentre a Torino (dove la A/2 sono relativamente poche) bastano 33 metri. A Firenze invece scatta l'imposta per 49 metri quadri. A Padova 42, a Verona 50, mentre a Brescia 64 e a Catania 62 metri quadri. Nella A/3, dove la percentuale di immobili esenti sarebbe molto maggiore, per pagare a Roma bastano 41 metri mentre a Milano si sale a 55 e a Palermo addirittura 139. A Napoli ne bastano 77, a Torino 49, a Firenze 55, a Padova 59, a Verona 71 e a Brescia 111 metri quadri. Fin qui i conti e gli scenari per chi dovrà pagare.

Occhio ai furbi -
Ma al Ministero delle Finanze c'e preoccupazione. Qualcuno alla fine pagherà. Ma potrebbe anche farla franca. Via XX settembre ha presentato anche scenari di rimodulazione del tributo che si basano sul reddito dichiarato dei contribuenti. Non su quello reale ma su quello dichiarato. E lì potrebbe aprirsi una falla da non sottovalutare. In questo modo chi evade l’Irpef avrebbe un vantaggio anche per l’Imu. Insomma la strada verso l'addio all'Imu appare ancora lunga. E lo scontro tra Pd e Pdl è destinato a durare. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Paolotto78

    09 Ottobre 2013 - 11:11

    I nostri politici dimostrano SUPERFICIALITA' (per non dire altro). Tutti gli immobili recentemente costruiti nella periferia di Roma (in zone disagiate, prive di servizi, ecc..), di valore molto inferiore a quello delle case in centro, hanno un valore catastale tale da farle rientrare nella categoria delle abitazioni di LUSSO! L'IMU non è una tassa applicabile prima dell'aggiornamento del catasto. IDIOTI!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    09 Ottobre 2013 - 11:11

    che questi non dormono la notte per inventarsi le cazzate da dire il giorno seguente. La famigerata IMU già la stiamo pagando anche più dell'originale. Comuni e province tutti hanno più che triplicato le % ed il losco gioco è fatto. I coglioni siamo tutti noi che incomprensibilmente li lasciamo fare. Letta non è certo migliore del suo predecessore due fighetta buoni per gironzolare a nostre spese in giro per il mondo. Provate a controllare quanto spendono per muoversi senza combinare un cazzo.

    Report

    Rispondi

  • Akito

    09 Ottobre 2013 - 09:09

    Letta o lercio non cambiano nella radice e comunque le idee avanzate da un essere dal sorriso radioso come lo aveva Nerone,dalla dialettica paragonabile a Demostene, parla di tasse:IVA;IMU,ecc e i soldi chi li darebbe ?Re giorgio o qualche grande scrittore come si è presentato a Ballarò ieri sera o il professore prestigioso che non ha azzeccato nulla?Dovrebbero tornare alle elementari... Akito

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    09 Ottobre 2013 - 09:09

    non ha vinto nessuno e hanno perso gli italiani! siamo nella mani di una classe dirigente vecchia e fuori dal tempo, assolutamente non all'altezza della situazione. Nessuno escluso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog