Cerca

lazio/roma

Papa: "Ci vuole Patto mondiale per migrazione"

16 Ottobre 2017

0
Papa: "Ci vuole Patto mondiale per migrazione"

Città del Vaticano, 16 ott. (AdnKronos) - "E' giunta l'ora di elaborare all'interno dell'Onu un Patto mondiale per la migrazione sicura, regolare e ordinata". E' quanto sottolinea Papa Francesco, intervenendo nella sede della Fao a Roma in occasione della 'Giornata mondiale dell'Alimentazione', presenti i ministri dell'Agricoltura dei Paesi del G7. "Il dibattito sulla vulnerabilità causa divisioni a livello internazionale, quando si parla di migranti - osserva il Pontefice - Vulnerabile è chi sta in una situazione di inferiorità e non può difendersi, non ha mezzi, soffre una esclusione. Tutto questo lo rende vittima di violenze, di situazioni naturali o, ancora peggio, di indifferenza, di intolleranza e perfino di odio".

Davanti a questa situazione, per il Papa, "è giusto identificare le cause per agire con la competenza necessaria. Ma non è accettabile che, per evitare il compromesso, si tenda a trincerarsi dietro sofismi linguistici che non rendono onore alla diplomazia, riducendola dall'arte del possibile a un esercizio sterile per giustificare egoismi e inerzia".

"Tutti i giorni vediamo le conseguenze dei cambiamenti climatici - ha sottolineato ancora il Pontefice - grazie alle conoscenze scientifiche, sappiamo come affrontare i problemi e la comunità internazionale ha elaborato anche gli strumenti giuridici necessari, come l'Accordo di Parigi sul clima da cui, per disgrazia, alcuni si stanno purtroppo allontanando". Papa Francesco lancia l'allarme, con un chiaro anche se solo implicito riferimento agli Usa.

Per Bergoglio, "riappare la negligenza verso i delicati equilibri degli ecosistemi, la presunzione di manipolare e controllare le risorse limitate del pianeta. Pertanto, è necessario sforzarsi in favore di un consenso concreto e pratico, se si desidera evitare gli effetti più tragici che continueranno a ripercuotersi sulle persone più povere e indifese".

Il Papa afferma che "siamo chiamati a proporre un cambio nello stile di vita, nell'uso delle risorse, nei criteri di produzione e anche nel consumo che per quanto riguarda gli alimenti presenta un aumento delle perdite e degli sprechi. Non possiamo consolarci con il fatto che qualcun altro lo farà... Penso che questi siano i presupposti di qualunque discorso serio sulla sicurezza alimentare, in relazione con il fenomeno delle migrazioni. E' chiaro - ribadisce Francesco - che le guerre e i cambiamenti climatici provocano la fame: evitiamo di presentarla come un male incurabile".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media