Cerca

economia

Jannotti Pecci (Federterme): "Puntare su contratto sviluppo per settore termale"

21 Novembre 2017

0
Jannotti Pecci (Federterme): "Puntare su contratto sviluppo per settore termale"

Fiuggi, 21 nov. (Labitalia) - Un contratto di sviluppo per il sistema termale, per rilanciare il settore secondo le specificità e come antidoto anche alla fuga dei cervelli. A lanciare la proposta Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme, in occasione dell’inaugurazione, oggi, a Fiuggi, del quarto Accelerathon nazionale previsto dal programma FactorYimpresaTurismo, promosso da Mibact e Invitalia e dedicato alle idee innovative di impresa nel settore del turismo termale.

“Il sistema termale italiano, anche attraverso il quadro normativo a cui fa riferimento, viene giustamente considerato - ha ricordato a Labitalia - come un sistema unitario a livello nazionale. Per questo, la nostra proposta è quella di elaborare, a livello di istituzioni governative e attraverso Invitalia, una sorta di grande contratto di sviluppo o di programma o accordo di programma quadro, che coinvolga tutto il sistema termale nazionale, naturalmente declinandolo sul versante delle intensità degli aiuti in maniera differenziata a seconda delle aree geografiche di appartenenza”.

“Se si riuscisse a fare una cosa del genere, e peraltro Federterme con Invitalia ha un rapporto consolidato, sicuramente daremmo una risposta sistemica: dimostreremmo che anche in Italia siamo in grado di fare squadra”, ha sottolineato.

Jannotti Pecci ha poi affermato che “il tema di oggi è centrale: il sistema termale rappresenta una grande opportunità per il paese ma necessita di quella linfa nuova che i giovani possono dare”. “Per questo - ha proseguito - vedo molto positivamente questa iniziativa e il fatto che proprio i giovani guardino al nostro settore con interesse e fiducia. Un settore che può aiutare a frenare la fuga dei cervelli”.

“Come in tutti i settori - ha spiegato il presidente di Federterme - anche nel termalismo l’innovazione è fondamentale, anzi lo è ancora di più perché valorizzare le idee è importantissimo in un comparto in cui la tradizione è uno dei pilastri. Innovare nel nostro mondo vuol dire innovare nel campo delle tecnologie pure, oltre che sul versante delle idee, ma anche valorizzare il ruolo della ricerca scientifica”.

“In questo senso, l’iniziativa di questi due giorni va nella direzione giusta: utilizzare e valorizzare i giovani, che per definizione hanno una vivacità intellettuale e una capacità di partorire idee innovative sicuramente maggiore di chi è seduto sugli allori e guarda più al passato che al futuro, è una grande sfida alla quale Federterme vuole dare il suo contributo”, ha concluso.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media