Cerca

Air France: "Piano insufficiente"

Le Poste salvatrici di Alitalia
Ma la loro linea aerea è in rosso

In un anno Mistral Air ha visto quadruplicare le perdite, a causa della crisi dei voli charter verso il Mar Rosso

Le Poste salvatrici di Alitalia
Ma la loro linea aerea è in rosso

Poste Italiane, l'altroieri, si è presa carico di una parte importante del salvataggio di Alitalia, mettendo sul piatto immediatamente 75 milioni di euro in cambio di un ingresso nel capitale della ex compagnia di bandiera valutato tra il 10 e il 15% delle quote azionarie. Ma l'ente è già alle prese con una compagnia aerea azzoppata. la sua. Mistral Air, infatti, ha chiuso il bilancio 2012 con perdite per 8,2 milioni di euro. Certo una bazzecola rispetto ai 500 e passa milioni di euro di rosso che affliggono Alitalia. Ma è questione di proporzioni: il vettore nazionale ha una flotta di circa 150 apparecchi, a fronte di quella Mistral air fatta di 4 Boeing 737-300. E comunque, nel suo piccolo, il bilancio della linea aerea delle Psote ha fatto registrare in un solo esercizio il quadruplicamento delle perdite, che nel 2011 erano pari a 2,1 milioni. Anche i ricavi mostrano la corda, scesi da 107,6 a 104,1 milioni. Poste Italiane ha dovuto in un’assemblea straordinaria ripianare le perdite sia usando le riserve, sia azzerando il capitale per poi successivamente ricostituirlo a 530 mila euro. Un rallentamento dei ricavi, spiega la relazione sulla gestione, dovuto in gran parte alla diminuzione della componente charter passeggeri, colpita dalla crisi delle tratte verso il Mar Rosso a seguito delle tensioni in Egitto. Mistrail Air possiede 4 Boeing 737-300 Quick Change da 145-148 posti per i voli postali (di notte) e passeggeri (di giorno) e 2 Boeing di pari categoria destinati ai voli passeggeri a 162-168 posti. 

Dal fronte francese, intanto, non arrivano buone notizie sul futuro di medio termine di Alitalia: sebbene infatti i suoi rappresentanti nel consiglio di amministrazione abbiano approvato l'aumento di capitale di Alitalia, Air France-Klm è riluttante a parteciparvi in quanto "il piano di emergenza proposto non è sufficiente" e "il valore della compagnia non è stato determinato". Lo riferiscono fonti del vettore franco-olandese al quotidiano transalpino 'Les Echos'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • yuridodadi

    13 Ottobre 2013 - 14:02

    Così si suicidano, ho scritto un commento anche ieri..., a rimetterci saranno quelli col contoposte, e i risparmi del cittadino, tra 75 giorni magari gli diranno che non hanno poco valore, grazie mille.(:

    Report

    Rispondi

  • secondotentedi

    13 Ottobre 2013 - 00:12

    ho visto anche i servizi... al tg1 e tg5, in 4 parole magari non avranno frutti e pagheranno tutte quelle persone col conto poste, si saprà forse nei 75 giorni a seguire, o nei 100 giorni a seguire, chissà.(:

    Report

    Rispondi

  • 12 Ottobre 2013 - 16:04

    che alitalia fallisca ! gia' qualchje anno fa si fece diede il "salvataggio" di qualche miliardo per rinascere ... non è stata capace di rinascere ? e allora via, FALLITI edisgraziati tutti quanti ! c'e' solo il FALLIMENTO per voi !!

    Report

    Rispondi

blog