Cerca

Salvataggio da 500 milioni

Alitalia, stop da Airfrance: "Il prezzo è troppo basso"

Secondo il vettore transalpino la soluzione del governo "è insufficiente". Replica: "L'aumento di capitale si farà anche senza i francesi"

Alitalia, stop da Airfrance: "Il prezzo è troppo basso"

Il salvataggio di Alitalia si farà. Ma a prezzo di forzature che non lasciano prevedere un futuro facile. Ad ammettere la prima e più importante è stato lo stesso premier Letta  nell’intervista rilasciata al Sole 24 Ore: «L’intervento di Poste ha obbligato i privati a investire. Scommettendo sul futuro». L’assegno da  75 milioni di euro che Sarmi staccherà per partecipare alla ricapitalizzazione della ex compagnia di bandiera è sicuramente una fiche molto pesante sul piatto del salvataggio. Il cui valore  si moltiplica, proprio in virtù del ragionamento di Letta. L’intervento della Spa pubblica vincola i «capitani coraggiosi» guidati da Colaninno a mettere nuovamente mano al portafoglio. Sui 300 milioni complessivi di ricapitalizzazione gli attuali soci italiani sono chiamati a partecipare con 50. Altri 75 competono ad Air France, mentre un consorzio di banche guidato da Intesa e Unicredito è pronto a farsi carico dell’eventuale inoptato fono a un massimo di 100 milioni.

Ma la quota francese è tuttora in bilico. Dopo aver puntualizzato, venerdì sera, che il via libera all’aumento di capitale non comporta automaticamente la loro partecipazione, ieri hanno gettato altra sabbia negli ingranaggi: «Il piano di emergenza proposto non è sufficiente» e «il valore della compagnia non è stato determinato» riferiscono fonti di Air France  al quotidiano transalpino Les Echos. Secondo quanto riporta invece Le Figaro, la compagnia franco-olandese  resta comunque interessata a salire al 50% di Alitalia, con l’obiettivo  di ottenerne la gestione operativa e varare così  un piano di ristrutturazione alternativo. L’ad Alexandre de Juniac è orientato a rimanere alla finestra, «in attesa di una soluzione ai problemi finanziari del vettore». Una posizione, quella riferita da Le Figaro, che ignora gli ultimi avvenimenti e probabilmente risale all’inizio della settimana.

Ma a questo punto la posizione del socio stranieri è meno vincolante di quanto non fosse fino a pochi giorni or sono. Le indiscrezioni riferiscono di un Sarmi che già avrebbe messo al lavoro la sua squadra di esperti a un piano in tre punti per sfruttare le sinergie fra Poste e Alitalia: il potenziamento del trasporto aereo della posta, lo sviluppo dell’e-commerce in cui le Poste sono entrate da meno di un anno e la condivisione dei canali di vendita per i biglietti on line e l’accentramento su un’unica piattaforma della gestione dei sistemi operativi. Forse è un po’ tardi per puntare i piedi. E infatti fonti vicine al piano di salvataggio varato venerdì  dal cda dell’ex compagnia di bandiera, fanno sapere che la ricapitalizzazione  si farà con o senza l’apporto del socio francese. Anche se  è auspicabile che  Air France insieme a tutti i soci partecipi all’operazione. «L’operazione è stata strutturata in modo tale da garantire la riuscita, con o senza la partecipazione dei francesi».

Ma a testimoniare che i malumori serpeggiano anche al di qua delle Alpi è arrivata ieri la presa di posizione di Gian Maria  Gros-Pietro, presidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo: «Noi chiediamo un management  professionale per una gestione trasparente del gruppo, che assicuri   una corretta comunicazione agli azionisti», ha affermato, sottolineando che «non può succedere di comunicare agli investitori 15  giorni prima che non c’è carburante». Anche perché la partecipazione dei soci bancari «non può essere di lungo periodo», ha aggiunto, «e Alitalia ha bisogno di inserirsi in un network e trovare un partner». L’obiettivo degli ultimi dieci anni.

di Attilio Barbieri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    15 Ottobre 2013 - 09:09

    Brevemente: Il più grosso azionista della Lufthansa sono sempre state le Poste Tedesche . La Francia è stata più volte ripresa da Bruxelles per aver aiutato l'Air France. La quale non si sa come dopo le se sue pessime condizioni di 5 anni fa si presentava già allora a prendersi l'Alitalia. con i soldi di chi ? Quelli dello stato francese. Nell'isola inglese non entriamo , come fanno loro con solita spocchia britannica (vedasi anche il loro boicottaggio dei prodotti alimentari italiani, quelli genuini, con l'apposizione del bollino rosso sui nostri prodotti alimentari . Tutte le compagnie hanno avuto problemi. Uno dei nostri principali problemi è l'autosputtanamento del nostro paese, senza peraltro proporre mai una soluzione. Tipico di certa sinistra. Un po' d'orgoglio, no ? tutte le altre compagnie hanno interesse al fallimento dell'Alitalia,così arraffano le sue linee e diritti di traffico. E noi: Braviiii !

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    14 Ottobre 2013 - 12:12

    ma se alitalia perde 1 milione al giorno, i 500 milioni di aumento capitale a che servono? in un anno saranno bruciati.hanno ragione i francesi a non volerne sapere e non è certo colpa loro.

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    14 Ottobre 2013 - 11:11

    In particolare la CIG straordinaria riservata ai circa 4.000 tra piloti, steward, hostess e personale di terra di Alitalia garantisce in alcuni casi un assegno calcolato sull’80% dello stipendio reale (le cifre oscillano tra i 5.000 e 6.000 € MENSILI), inclusi superminimi e altre voci retributive, senza previsione di un tetto massimo come invece accade per dipendenti di altri settori. Una somma che, in questo periodo di crisi, non è affatto trascurabile. E gli esodati (parola inventata dal solito burocrate di stato)? Due dita negli occhi ! ! LO SCHI FO CONTINUA. E nessuno ne parla.

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    14 Ottobre 2013 - 11:11

    In realtà, in apparenza, il fondo in questione scadrà nel 2015 senza quindi richiedere immediati interventi d’urgenza. In ogni caso, una proroga porterebbe la fruizione del trattamento integrativo da parte dei vecchi dipendenti Alitalia ad un totale di 10 anni, cioè i sette inizialmente fissati e i tre aggiuntivi. Secondo Dario Balotta, ex sindacalista Cisl e attuale presidente dell’Osservatorio nazionale sulle liberalizzazioni dei trasporti,si tratta di “una situazione insostenibile che pone da un lato un problema di equità rispetto ai lavoratori degli altri settori, e dovrebbe interrogare tutti su quale sia il modello di solidarietà che perseguiamo”. “Dall’altro – prosegue Balotta – sembra l’ennesima operazione di aiuti di Stato, sulla quale forse sarebbe il caso di interessare l’Unione Europea”.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog