Cerca

L'effetto

Bollette, per colpa dei grillini arriva il maxi-rincaro: perché sarà un bagno di sangue

6 Giugno 2018

2
Bollette, per colpa dei grillini arriva il maxi-rincaro: perché sarà un bagno di sangue

Effetti immediati del governo 5 Stelle: via libera al primo parco eolico offshore dopo nove anni di attesa, scartoffie e ricorsi.
Come se il passaggio alle energie rinnovabili fosse da solo la soluzione di tutti i problemi dell' Italia. Dieci turbine al largo di Taranto, proprio di fronte a quell' Ilva che i grillini vogliono chiudere e a pochi chilometri dall' approdo del gasdotto Tap tanto inviso alla ministra per il Sud, Barbara Lezzi. In effetti lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel suo discorso sulla fiducia al Senato: «Non siamo disponibili a sacrificare l' ambiente per altri scopi». Lo sviluppo industriale, per esempio. In piena linea con il "Contratto per il governo del cambiamento" che infatti colloca l' Ilva, che è un tema di politica industriale e del lavoro, nel capitolo relativo all' ambiente. È vero che uno dedicato all' industria non c' è e quindi da qualche parte bisognava metterla, ma guardare tutto in chiave verde appare riduttivo in un Paese come il nostro che è tra i sette più grandi del mondo.

Né si può interpretare solo in chiave ambientale il tema delle infrastrutture e dei trasporti, settore trainante per l' economia, per quel rilancio e quello sviluppo tanto invocati e a cui si fa sempre ricorso come fonti di copertura per qualsiasi proposta politica che comporti maggiori spese o minori entrate, o a cui ci si appella quando si auspica la riduzione del debito pubblico attraverso la crescita. «Con le nostre scelte politiche ci adopereremo per anticipare i processi, peraltro già in atto, di decarbonizzazione del nostro sistema produttivo», ha detto ancora Conte, ma la sua dichiarazione stride con ciò che il M5S predica sui territori.

E tra l' eolico, che piace ai grillini, e il gas, che invece aborrono, il confronto è presto fatto. Trasportare attraverso gli elettrodotti l' energia prodotta dalle turbine offshore costa 96 euro al chilometro per gigawatt, contro i 4 euro del gas. Un sovrapprezzo che finisce direttamente in bolletta. Senza considerare la scarsità di vento sulle nostre coste rispetto ai Paesi del Nord Europa che limita la produzione e non giustifica, quindi, gli investimenti. Salvo prevedere sussidi pubblici. E torniamo alla solita domanda: vogliamo più Stato o meno Stato nell' economia?

di Sara Tommasi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    06 Giugno 2018 - 15:03

    Le energie alternative sono interessantissime, ma bisogna conoscerle e comprenderne i limiti. La decarbonizzazione a spese dei consumatori è la più grande idiozia che si possa pensare. Il fotovoltaico, per. es, a prescindere dalle ingannevoli pubblicità ed informazioni fornite agli allocchi, si è diffuso soprattutto grazie agli incentivi, che tutti noi paghiamo in bolletta.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Giugno 2018 - 14:02

    Ah, ah, ah, ah.....questa si che è informazione...ah, ah,ah...chi lo ha scritto questo articolo Pippo o Pluto? Ah, ah, ah......

    Report

    Rispondi

media